Irpef: Confindustria, oggi sembra fatta da Frankenstein

Abbassare pressione su ceti medi. Abbiamo 17 patrimoniali

(ANSA) – ROMA, 12 FEB – Per Confindustria, L’Irpef, cioè l’imposta principale del nostro ordinamento, "sembra uscita dal bisturi del Dr. Frankenstein: tenuta solo dal filo ideale di tassare il reddito personale." Così Emanuele Orsini, direttore per il Credito, la Finanza e il Fisco di Confindustria durante l’audizione in Parlamento sulla riforma del Fisco. L’organizzazione degli Industriali chiede al Parlamento "un progetto di riforma a tutto tondo che riguardi non solo l’Irpef ma l’intero sistema fiscale". Impresa ardua tanto più che – rileva anche Confindustria – "le risorse stanziate (circa 2 miliardi l’anno) sono esigue, recuperare risorse dall’evasione va bene, ma non offre garanzie. Quindi servirà rimodulare il prelievo nelle imposte e tra le imposte del sistema fiscale". Nel quadro di una revisione complessiva di tutto il sistema Confindustria chiede di "alleggerire la pressione sui redditi medi, eliminando i disincentivi ad aumentare il reddito, in particolare sopra i 28 mila euro". Eliminare l’Irap, "migliorando la tassazione suelle imprese". Rivedere sostanzialmente la "giungla delle agevolazioni", meglio poche e dalla portata più importante, come il suberbonus da 110% che Confindustria vorrebbe "estsa anche alle Imprese". Quanto alla Patrimoniale, Confindustria dice: "Il tema non è "se" introdurne una, ma come riorganizzare le 17 che abbiamo già". Infine "basta antagonismi con il Fisco" anzi le imprese chiedono di "investire di più sull’efficienza dell’amministrazione finanziaria". (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.