“Isolation rock”, diario musicale al tempo della pandemia

Emergenza coronavirus Como, polizia locale, controlli, pattuglie e posti di blocco in città

Fabrizio Barabesi, giornalista e scrittore, parla di musica e pandemia nel suo nuovo libro edito da Arcana, Isolation rock. Un diario in pubblico nel tunnel della quarantena, cronistoria di un anno da fantascienza che è purtroppo realtà tuttora incandescente, e non sappiamo quando il vulcano si spegnerà. Ma proprio la musica consente di vivere in modo più leggero e anche più consapevole un dramma planetario che riguarda tutti. Anche chi, cocciuto più di un mulo, lo nega.
«Questo libro – mentre c’è chi continua a combattere il contagio in prima linea – è il frutto – scrive Barabesi – di uno strano esperimento da laboratorio casalingo: utilizzare la musica per inventare delle playlist strettamente collegate all’isolamento più intransigente, ai suoi effetti collaterali».
La musica evocata dalle sue pagine è quella di ieri e di oggi, fatta da artisti celeberrimi ma anche di nicchia, dai più melodici e orecchiabili ai quasi cacofonici: tutto serve per rompere il silenzio al tempo del Covid 19 orchestrato sul filo del pentagramma. Un racconto strutturato e non rapsodico o caotico zibaldone dove scopri anche perle d’archivio: «Curioso scoprire chi di distanziamento sociale già parlava nel 1982, come Renato Zero che nel pezzo Contagio cantava: “Pericolo di contagio / Che nessuno esca dalla città / L’isolamento è un dovere oramai / Dare la mano è vietato». La recensione completa sul “Corriere di Como” in edicola.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.