Iubilantes, turismo dolce e sostenibile

Villa Pliniana a Torno

Si lavora con gli studenti del “Fermi” per i tesori razionalisti

L’associazione culturale Iubilantes di Como, che da anni si occupa di mobilità dolce e incentiva la riscoperta del turismo culturale specie legato a itinerari di spiritualità, intende proseguire con forza nella seconda parte del 2020 il progetto “Monumenti aperti”.
Iniziativa che aprirà le porte con giovani ciceroni a luoghi d’arte e storia da scoprire.
In particolare continuerà la sinergia con un importante progetto proposto nel 500° della morte di Leonardo da Vinci e nel 220° dell’invenzione della pila, dal titolo “Un lago di scienza: Como e il Lario tra Leonardo da Vinci e Alessandro Volta” che l’anno scorso ha toccato luoghi di interesse leonardesco come Villa Pliniana a Torno e l’Orrido di Nesso.
Nel 2020 il sodalizio si cimenterà in particolare con la promozione del luoghi cari alla memoria voltiana sempre all’interno di “Monumenti Aperti”.
Prevista la valorizzazione e la mappatura dei luoghi voltiani di maggiore interesse con un percorso tattile in collaborazione con altri soggetti della città come l’Unione Ciechi e Ipovedenti e il club di servizio Lions.
“Monumenti aperti, per una città per tutti”, iniziativa promossa a livello nazionale, tornerà a proporre, per valorizzare il turismo culturale, quattro fine settimana a Milano, Cantù e Como, con la collaborazione dell’associazione Imago Mundi, di Auser Insieme Canturium, dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti di Como e dell’associazione Nocetum di Milano.
Si tratta di percorsi sostenibili e all’insegna della mobilità dolce che l’anno scorso come ciceroni hanno coinvolto studenti delle scuole superiori di Como (Liceo “Volta”) e di Cantù (Liceo “Melotti”, Liceo “Fermi” ed Enaip) che con adeguata preparazione hanno fatto da guide ai cittadini e ai turisti.
Ambra Garancini, che è con il marito Giorgio Costanzo anima degli Iubilantes, e che sta lavorando a una nuova guida della via Francigena Renana da Coira al guado francigeno del Po di Corte Sant’Andrea, già è all’opera per il progetto con gli studenti del Liceo “Fermi” per il Razionalismo comasco in collaborazione con il critico Luigi Cavadini e con l’istituto comprensivo “Parini” di Como.
«L’asse dello Spluga è uno dei piu antichi e sperimentati – annuncia Garancini – intendo valorizzarlo nel mio libro in funzione di un turismo dolce e sostenibile, come quello che auspichiamo da tempo per il Lario. Va detto che la sentieristica svizzera è molto più curata e tutelata, si capisce che oltre confine viene vissuta come un bene culturale mentre da noi non esiste un fondo cartografico omogeneo».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.