Juve Stabia-Casertana affidata al comasco Colombo

Andrea Colombo

Ci sarà un arbitro comasco a dirigere la partita del prossimo turno di serie C che più di tutte le altre sarà sotto i riflettori a livello nazionale. Al rientro dopo qualche settimana di stop per un problema muscolare, per la giornata infrasettimanale di domani Andrea Colombo è stato designato per la sfida tra Juve Stabia e Casertana.
Proprio la Casertana, infatti, in questo momento è al centro dell’attenzione per la vicenda che riguarda il Coronavirus nel gruppo squadra. I campani domenica sono scesi in campo in 9 contro 11 nel match interno con la Viterbese e hanno perso per 3-0.
La Casertana si era già giocata il jolly ed aveva ottenuto un rinvio; a questo giro la Viterbese non ha però dato il suo nulla osta e la gara è stata comunque disputata. Non soltanto. Tre giocatori della compagine rossoblù sono scesi in campo con la febbre e due di loro – è stato comunicato ieri – sono risultati positivi al Covid-19.
Una vicenda che ha suscitato polemiche. Francesco Ghirelli, presidente della Lega Pro, ha spiegato che sono state applicate le regole e che il match non si poteva rinviare.
Ora si attendono ulteriori evoluzioni. La gara è comunque da considerare a rischio considerato che il numero dei positivi nella Casertana è ulteriormente aumentato.
Andrea Colombo è l’unico fischietto della sezione comasca dell’Associazione arbitri che è stato designato a dirigere negli incontri di domani. I suoi colleghi Mattia Caldera e Alessandro Di Graci sono stati infatti operativi lo scorso fine settimana, rispettivamente nei match Pondera-Juventus Under 23 e in Perugia-Triestina.
Questi ultimi saranno comunque impegnati come “quarto uomo”: Caldera in Pergolettese-Alessandria, Di Graci in Padova-Modena.
A proposito dell’Aia di Como: Matteo Garganigo, 38 anni, pochi giorni fa è stato riconfermato al vertice della sezione cittadina, che guida dal mese di maggio del 2016. Per lui, quindi, è il secondo mandato per il sodalizio lariano, che nel 2018 ha festeggiato novant’anni dalla sua fondazione.
M.Mos.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.