La bostoniana Eileen Rose sulle sponde del Lario

alt

Questa sera a Tremezzo

Dal vivo con la sua band per la rassegna estiva al Parco Teresio Olivelli
(m.prat) Questa sera, alle 21, al Parco Teresio Olivelli di Tremezzo è il turno di Eileen Rose, cantautrice americana con una corposa discografia alle spalle, ultimo atto Be Many Gone.
Da Beth Orton ad Aimee Mann, passando per Victoria Williams e Ruth Gerson, tutti, prima o poi, sono caduti nella trappola dell’irresistibile fascino, non solo canoro, delle cantautrici. Chi ha letto Alta Fedeltà – il libro di Nick Hornby da cui è stato tratto l’omonimo film con John Cusack – sa di cosa stiamo

parlando. A molti sarà capitato di incontrare in concerto la propria Marie La Salle e, più o meno fortunati di Rob, il protagonista del fortunato romanzo, di conservare poi i suoi dischi in un posto particolare della propria collezione.
Dopo aver fatto breccia almeno nell’anima musicale dello stesso Hornby, che nel suo libro successivo 31 Canzoni ha inserito un brano di Eileen Rose, Good Man, tratto dall’album Long Shot Novena, tra le canzoni più belle del 2002, l’artista di Boston, con origini italo-irlandesi, ha mietuto nuove “vittime”. Per lei si sono sprecati i paragoni più azzardati: da Ani Di Franco a Lucinda Williams, da Sarah McLachlan a Natalie Imbruglia, ma la realtà è molto più semplice. Eileen Rose non è la nuova Fiona Apple né, tanto meno, un’altra Alanis Morissette, come qualcuno avrebbe voluto, è semplicemente se stessa, con le sue influenze che continuano a guidarla e una band corposa che si occupa di sostenerla con mestiere in concerto.

Nella foto:
La cantautrice americana Eileen Rose, da molti paragonata ad Ani Di Franco e Lucinda Williams, sarà questa sera a Tremezzo

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.