La chitarra protagonista in Conservatorio

Conservatorio di Como

Il «Giuseppe Verdi» di Como, il più giovane dei conservatori lombardi, dato che è nato nel 1982, ospita sabato 19 gennaio un concerto dedicato alla chitarra nell’auditorium di via Cadorna 4.
L’istituto musicale lariano ha sede in un prestigioso edificio d’impianto quattrocentesco e rappresenta una realtà ormai consolidata, grazie a una popolazione studentesca non solo proveniente da varie regioni italiane ma anche da Paesi stranieri, compreso l’Estremo Oriente. Di recente è stato infatti stipulato un accordo strategico con la Cina.
Il 2019 è un anno importante, per la vastità delle proposte musicali. Sabato alle 17 il concerto Chitarra mon amour sarà un omaggio a Benvenuto Terzi, compositore bergamasco che è l’anima della chitarra italiana del Novecento. Fondo nel 1934 il periodico “La chitarra” e nel 1963 pubblicò con successo il suo metodo per chitarra edito da Ricordi Il chitarrista autodidatta, metodo completo per chitarra classica, affiancato da una raccolta di studi progressivi dei vari autori, che ebbe numerose ristampe. Tra i suoi meriti, l’aver aperto la cattedra di chitarra all’istituto Musicale Donizetti di Bergamo, la prima in Italia. Lo si ricorderà con il solista Massimo Laura che proporrà musiche di Johann Sebastian Bach, Isaac Albeniz, dello stesso Terzi, di Giulio Regondi, Francisco Tárrega e Alberto Ginastera. Martedì 29 gennaio ci si sposterà nel salone Musa del Carducci di via Cavallotti 7 a Como per il recital Harmonies françaises; protagonista al flauto Clara Cavalleretti e al pianoforte Davide Muccioli. Musiche di F. Poulenc, E. Bozza, P. Taffanel, C. Chaminade. Ingresso libero.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.