La Cisl si mette in piazza per difendere il mondo del lavoro

L’iniziativa
La Cisl incontra Como, in piazza Cavour. Una giornata, quella di ieri, che si è rivelata utile a una delle principali associazioni sindacali italiane per entrare in contatto ancora una volta con i lavoratori e con tutto il tessuto sociale lariano.
«Portare in piazza un sindacato significa fondamentalmente mettere in luce il suo stesso operato – ha detto Gerardo Larghi, segretario generale della Cisl di Como, descrivendo la natura dell’iniziativa – Si è voluto ascoltare la gente e informarla su quello che stiamo facendo per difendere il mondo del lavoro. Abbiamo voluto portare in piazza il mondo dell’associazionismo, ossia quel mondo che si sta impegnando affinché Como e il suo territorio continuino a lavorare».
Gettare un fascio di luce sull’attività di tutela svolta dal sindacato, quindi. Il tutto rendendo disponibile al cittadino servizi di assistenza al lavoratore, grazie agli stand allestiti in piazza.
All’interno della manifestazione, ha avuto, inoltre, un posto di rilievo il tema della lotta alle mafie.
Diversi ospiti si sono trovati sul palco a presentare l’iniziativa “Su la testa”: Gloria Paolini, segretaria aggiunta Cisl, Dario Campione, giornalista del Corriere di Como, Gaetano Saffioti, imprenditore calabrese sottrattosi al pagamento del pizzo e Alessandro De Lisi, direttore del Centro Studi Sociali contro le mafie del “Progetto San Francesco” che, in collaborazione con la Cisl, agisce nella direzione della riqualificazione e nel riutilizzo delle risorse confiscate alla criminalità organizzata.
Temi importanti che, però, non hanno escluso assolutamente momenti di svago come diverse perfomances di vari artisti della scena musicale comasca. Tra i tanti anche Simone Tommassini, noto rocker lariano, che ha chiuso la serata in piazza Cavour con la sua esibizione.

Matteo Congregalli

Nella foto:
Un momento del dibattito della Cisl ieri in piazza Cavour (foto Mattia Vacca)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.