La linea ferroviaria Como-Lecco verrà elettrificata

Treno linea Lecco-Como

Il Governo intanto ha dato il via libera alla elettrificazione della linea ferroviaria Como-Lecco. Nel piano di investimenti da 1,4 miliardi di euro stanziati dal gruppo delle Ferrovie dello Stato nell’arco temporale 2020-2024, sono stati ufficializzati gli interventi in programma nei prossimi anni: tra le linee interessate, c’è anche la Como-Lecco.

L’intervento lungo la tratta di 36,8 km consentirà di istituire nuovi servizi oggi ancora non esistenti e soprattutto di prolungare il tracciato dei treni provenienti dalla Svizzera fino a Lecco. Non solo: l’elettrificazione permetterà di utilizzare anche i treni merci tra Chiasso e Lecco, treni merci che ora sono costretti ad utilizzare il percorso Seregno-Carnate. L’investimento complessivo è pari a 78 milioni di euro.

«All’inizio nessuno credeva che sarebbe stata elettrificata la linea Como-Lecco ma ora finalmente il nostro sogno è diventato realtà – dice il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle, Raffaele Erba – Questo risultato è stato raggiunto anche grazie al grande impegno del gruppo dei pendolari della Como-Lecco che ha sostenuto e creduto nell’opera in modo instancabile con una serie di appuntamenti di promozione del progetto. Non posso dimenticare l’impegno profuso dalle associazioni come Legambiente Cantù e Circolo Ambiente Ilaria Alpi, sempre attive con diversi incontri di sensibilizzazione sul tema».

Diversi i commenti. «Fortunatamente il Governo ha trovato il modo di colmare le lacune della Regione – dice il consigliere regionale del Pd Angelo Orsenigo – Nonostante gli investimenti sulla linea siano un’ottima notizia, però, è importante non dimenticarsi che da mesi i pendolari che utilizzano la tratta denunciano la drastica diminuzione delle corse da 23 a 12 al giorno. Diminuzione dovuta al Coronavirus che ha di fatto azzoppato la Como-Lecco e per cui è necessario che Regione, insieme a Trenord, intervenga istituendo corse ogni mezz’ora negli orari di punta».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.