L’abbraccio commosso del vescovo al personale sanitario

Messa nel Duomo di Como celebrata dal vescovo Oscar Cantoni

«Medici, infermieri, farmacisti, veterinari, assistenti socio-sanitari, operatori delle pulizie, volontari e personale a qualunque titolo impegnato nel mondo della salute in questo tempo di pandemia hanno dato e continuano dare una grande testimonianza di sacrificio e attenzione ai fratelli e alle sorelle colpiti dalla malattia». Così il vescovo di Como, Oscar Cantoni, ha voluto ricordare sabato durante una messa in Duomo il sacrificio del personale sanitario durante la pandemia. «Sono stati accanto ai pazienti – ha ricordato Cantoni – diventando anche voce e mani dei familiari costretti all’isolamento. C’è chi è stato in prima linea nell’affrontare il nuovo coronavirus e chi ha continuato a fornire le cure necessarie a tutte le altre patologie che non si sono fermate per il lockdown. Celebrare insieme l’Eucaristia significa ritrovare un senso di comunità e umanità, per ringraziare, per pregare insieme alle proprie famiglie, che ugualmente vivono sentimenti di incertezza e paura». All’evento, per le misure ancora previste in materia del contenimento del virus, hanno potuto prendere parte 350 persone.
«La pandemia ha purtroppo lasciato segni indelebili nella memoria della popolazione, di tutti i sanitari e delle associazioni di volontariato che hanno affrontato con abnegazione, grande professionalità e senso del dovere una situazione così drammatica mettendo a rischio anche la propria incolumità», ha commentato il dottor Gianluigi Spata, presidente dell’Ordine dei Medici di Como.
Le offerte raccolte durante la Santa Messa andranno ora a sostegno del “Fondo diocesano di Solidarietà Famiglia-Lavoro 2020”, istituito in memoria di don Renato Lanzetti e di tutte le vittime del coronavirus. Al termine della funzione anche un breve ma intenso momento musicale eseguito dall’Orchestra da camera Franz Terraneo, che ha condiviso con i sanitari il bisogno di ricordare, ringraziare ed elaborare quanto vissuto nei mesi passati.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.