La manovra di avvicinamento

Il commento
di Lorenzo Morandotti
Cattelan, Lichtenstein, Pistoletto. Non saranno un trio celeberrimo come altri nella storia (Dante, Petrarca e Boccaccio in letteratura; Rossi, Tardelli e Altobelli nello sport – ricordate i marcatori azzurri nella finale del mondiale ’82?). Ma i citati sono pur sempre rappresentativi e noti anche ai non addetti ai lavori. Nella prospettiva dell’uomo della strada, tale scelta, sia pure in un contesto di ricerca, può apparire una rivalutazione di quel concetto di mostre “popolari” che ha fatto la fortuna di Villa Olmo fino al 2012. Si vedrà alla prova dei fatti quanto sia fondata tale ipotesi.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.