La partita decisiva si giocherà tra una settimana

L’ultimo confronto pubblico martedì prossimo
Cinque formazioni e diciotto seggi per dare un volto a chi sfiderà l’erede di Bruni
Una scheda, quattro candidati, diciotto seggi, dodici ore per esprimere la propria preferenza in un’unica data: domenica 27 novembre.
A una settimana dall’appuntamento decisivo per il centrosinistra, il comitato organizzatore presenta i numeri delle “primarie 2011”, convocate per permettere ai cittadini di scegliere il candidato sindaco di Como in vista delle elezioni amministrative della prossima primavera.
Prima precisazione: non si tratta delle primarie del Pd.
«Sono le primarie

di Como – sottolineano gli organizzatori – Le forze in campo sono cinque, il Partito Democratico, Paco, Sel, il Psi e il Comitato Primarie Vere per Como. Chi partecipa al voto sottoscrive una precisa carta dei valori. Non è richiesta alcuna tessera né la decisione di esprimere la propria preferenza comporta l’adesione ad un partito».
Grazie all’impegno di un centinaio di volontari, domenica 27 novembre saranno allestiti 18 seggi aperti dalle 8 alle 20.
Ciascun cittadino residente a Como che abbia compiuto i 16 anni ha diritto al voto.
Possono partecipare alla consultazione anche gli stranieri regolarmente presenti nel capoluogo.
Ciascun residente può votare esclusivamente nel seggio della propria zona, facendo riferimento alla sezione in cui vota abitualmente.
Per poter esprimere il proprio consenso è necessario presentare la carta d’identità e il certificato elettorale.
Per i ragazzi da 16 a 18 anni e per gli stranieri è richiesto un documento di identità valido, oltre al permesso di soggiorno per i non comunitari. È richiesto il versamento di una quota di 2 euro quale contributo spese.
Per quanto riguarda il centro città i seggi sono aperti nelle sedi delle circoscrizioni 5, 6 e 7, nella sede della Fondazione Avvenire in via Teresa Ciceri e nella sede del Pd in via Regina.
Seggi aperti per le primarie poi nei quartieri di Albate, Muggiò, Lora, Camerlata, Rebbio, Breccia, Prestino, Camnago Volta, Sagnino, Monte Olimpino, Ponte Chiasso, Tavernola e Civiglio.
Quattro come detto i candidati al ruolo di primo cittadino per il Pd lariano: Gisella Introzzi, manager ed ex giocatrice della Comense; Marcello Iantorno, avvocato e consigliere comunale uscente del Partito Democratico; Bruno Magatti, già vicepreside del liceo scientifico “Paolo Giovio” e consigliere comunale a Palazzo Cernezzi, appoggiato da Sel, Paco e Partito Socialista; e infine Mario Lucini, capogruppo del Partito Democratico e presidente della commissione urbanistica del Comune di Como.
L’ultimo confronto pubblico che vedrà i quattro candidati impegnati è in programma martedì prossimo, 22 novembre, alle 20.45 all’hotel Continental di Como.
Tema della serata saranno i problemi sociali. Ciascuno dei quattro aspiranti alla corsa alla poltrona di sindaco di Como potrà poi proseguire la propria campagna elettorale fino alla mezzanotte di venerdì 25. Per ulteriori dettagli è possibile consultare il sito Internet www.primarie.como.it.

Anna Campaniello

Nella foto:
Gisella Introzzi

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.