La provocazione di Molteni: per la prossima mostra Gaddi aiuti Cavadini

alt Cultura e politica
La lista “Per Como” di Mario Molteni, quella che ha convinto il consiglio comunale del capoluogo a candidare la città e i suoi tesori razionalisti tra i patrimoni tutelati dall’Unesco, è scesa in campo con una tesi provocatoria.
Ha infatti proposto ufficialmente, perché la città vinca la sfida di Expo 2015, che la prossima mostra di Villa Olmo nasca nel segno dell’alleanza.

«Muoviamoci per tempo, senza indugi e unendo tutte le forze, senza distinzioni politiche» è il motto. La proposta, in concreto, ha un nome: l’ex assessore alla Cultura Sergio Gaddi, artefice delle mostre di Villa Olmo tra 2004 e 2012. «I suoi successi sono evidenti, anche se non ho mancato di contestarne (a volte duramente) l’aspetto di gestione economica – ha detto Molteni – Perché non coinvolgerlo nell’organizzazione della futura grande mostra 2015?».

«Rimbocchiamoci le maniche», conclude Molteni, che ha affidato l’iter burocratico della proposta – vedremo che ne pensano il sindaco e l’attuale assessore Luigi Cavadini, avversi alle grandi mostre del modello Gaddi – a un ordine del giorno che verrà rimesso al voto del consiglio comunale. 

Intanto Cavadini è alle prese con il non facile impegno di lanciare la mostra “Ritratti di città” a Villa Olmo, che stenta a decollare nonostante gli sforzi. Oggi ci dovrebbero essere i dati ufficiali sull’affluenza, ma intanto il Comune ha varato il carnet “Le notti dell’arte”, ossia un programma di aperture speciali che vedranno Villa Olmo aperta ai visitatori fino a notte fonda (1.30). Il programma sarà attivo per tutto agosto e fino a metà settembre da giovedì a sabato. E nelle stesse sere dalle 22 al bar esterno della mostra sarà possibile acquistare un biglietto open per visitare la rassegna e avere due cocktail al bar ad un costo di soli 12 euro.

Nella foto:
Uno scorcio del salone centrale di Villa Olmo con l’allestimento (foto Fkd)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.