La ristampa di “Nero a metà” di Pino Daniele, disco creato a Carimate 40 anni fa

Pino Daniele

Pino Daniele quattro decenni dopo. Era il 1980 quando uscì l’album “Nero a metà”, in parte registrato a Carimate. Questo traguardo era solo all’inizio di una grande carriera per il cantautore napoletano scomparso il 4 gennaio del 2015.
Fu l’approccio di una stagione nuova, in un anno in cui ai vertici delle classifiche c’erano Lucio Dalla con il 33 giri “Dalla”, Francesco De Gregori con “Viva l’Italia” e Lucio Battisti con “Una giornata uggiosa”, registrato a Londra dopo gli anni al Mulino di Anzano del Parco. Ma non solo, l’hit parade di quel 1980 vedeva nelle posizioni di vertice anche “Tregua” di Renato Zero, “Zenyatta mondatta” dei Police e The Wall dei Pink Floyd.
Grandi firme affrontate a testa alta da un Pino Daniele che era nella parte iniziale della sua carriera – non va dimenticato – e che proprio con il suo terzo disco diventò una star. “Nero a metà” è l’album, per gli addetti ai lavori, che più lo rappresenta: un equilibrio tra soul, blues, jazz, rock e tradizione.
In occasione di questo anniversario, da ieri è disponibile la ristampa in edizione limitata, in doppio vinile e doppio cd.
All’interno anche cinque brani inediti tratti dal concentro del “Teatro Massimo” di Pescara. Tra i testi diventati poi i più noti del repertorio di Daniele, “I say i’ sto ccà”, “Musica musica”, “Voglio di più”, “A me me piace ‘o blues”, incisi tra il 1979 e il 1980 tra gli studi di registrazione situati nel Castello di Carimate, nella nostra provincia, e i Trafalgar Studios di Roma.
Era un legame forte quello di Daniele con la Brianza. Il cantautore ha infatti registrato altri tre album (“Napoli blues”, “Vai mò” e “Bella ‘mbriana”) negli anni d’oro nel mitico Stone Castle Studio di Carimate, che poi nel 1990 fu riconvertito in albergo. Un luogo storico per la canzone d’autore italiana, dove hanno inciso star come Fabrizio De André, Lucio Dalla, Antonello Venditti, Roberto Vecchioni, Eugenio Finardi, Riccardo Cocciante e molti altri.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.