La sentenza: «Non c’era la ’ndrangheta dietro al controllo dei locali comaschi»

Tribunale

Non c’era la ’ndrangheta dietro alla presunta attività di controllo delle discoteche e dei locali del Comasco. Lo ha sancito la sentenza che è stata letta ieri dai giudici di Milano in merito all’inchiesta della Direzione Distrettuale Antimafia sfociata nell’operazione “Gaia”, che aveva riguardato i locali, le discoteche e la gestione dei buttafuori.
La pubblica accusa aveva chiesto 204 anni e mezzo di condanna per i 18 imputati, da un minimo di 4 anni e 4 mesi a un massimo di 20 anni. Accuse che a vario titolo parlavano di associazione per delinquere di stampo mafioso, estorsione, porto abusivo di armi, ma anche di traffico internazionale di stupefacenti. Ebbene, al termine del processo di primo grado sono arrivate sì sedici condanne su diciotto, ma con pene più basse (per un totale di 127 anni, da un minimo di 2 anni a un massimo di 14) ma senza quel «capo 1» pesantissimo che riguardava l’appartenenza alla ’ndrangheta per quattro degli indagati. Assolti, «perché il fatto non sussiste», Umberto e Carmelo Cristello (il primo residente a Seregno, il secondo a Cabiate), e assolti anche Luca Vacca (residente a Mariano Comense) e Daniele Scolari, comasco residente a Misinto. Secondo i giudici non avevano nulla a che vedere con la criminalità organizzata di stampo mafioso.
I quattro sono stati comunque condannati – rispettivamente a 14 anni, 14 anni e 2 mesi, 10 anni e 8 mesi e 5 anni – ma per altre contestazioni (compresa l’estorsione) non associative. «Finalmente è stato certificato che Luca Vacca non è un mafioso – ha commentato ieri l’avvocato Simone Gatto – Per l’associazione per delinquere, per il quale erano stati chiesti 20 anni di pena, è stato assolto. Lavoreremo ancora in Appello dopo aver letto le motivazioni sul resto della pena. Far cadere una simile infamante accusa è stata una grande fatica, ma allo stesso modo una enorme soddisfazione professionale». «Non c’era alcuna associazione mafiosa – hanno aggiunto i legali Antonio Cristallo e Lorenzo Vendola che difendevano Scolari – L’amicizia con un soggetto non basta a dimostrare l’appartenenza a una associazione come la ’ndrangheta».
L’indagine era ruotata attorno allo spaccio e alla gestione dei servizi di sicurezza di locali notturni, discoteche e pub tra le zone di Como, Erba, Cantù, Monza e Milano. Secondo l’accusa, la presunta associazione – ieri caduta – controllava i locali non con le proprietà delle quote, bensì con «l’imposizione di ditte di sicurezza di “copertura”».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.