La storia del mobile canturino nel libro di Marelli

libro Marelli sul mobile di Cantù

Martedì 30 giugno, alle ore 12, presso il chiostro del Municipio di Cantù avrà luogo la presentazione del volume di Mario Marelli “L’identità di un territorio. Riflessioni sul distretto canturino del mobile”. Si tratta della raccolta degli articoli del professor Marelli, già docente di economia alla Bocconi,  pubblicati nel corso di 15 anni su “Canturium”, che è anche l’editore della pubblicazione. Come scrive nella introduzione al volume Tiziano Casartelli, architetto e storico della filiera del mobile canturino direttore della rivista brianzola, Marelli, docente di Economia Aziendale presso l’Università Bocconi, pioniere degli studi sulle origini e lo sviluppo della fabbricazione del mobile in Brianza “nei dodici articoli pubblicati da “Canturium” analizza il ruolo svolto dalle imprese del mobile, che associandosi nei consorzi espositivi hanno saputo conferire una forte identità all’area briantea, riconosciuta a tutti gli effetti come il grande distretto del mobile. Un’identità che – scrive l’autore – “definisce tempi e ritmi del vivere quotidiano, usi e costumi, relazioni tra le persone, e lo fa in modo così pregnante da generare una sorta di umore, di respiro condiviso.” Il professor Marelli argomenta della cultura artigiana con la partecipazione di chi ne ha diretta esperienza, in quanto figlio di quello stesso ambiente che egli descrive ed appartenente al medesimo retaggio culturale. È forse proprio per questa non comune sensibilità proveniente dalla sua biografia che Marelli non si limita a un’analisi esclusivamente economica. Egli sa perfettamente che un territorio vive anche su altri piani, meno tangibili ma altrettanto irrinunciabili: ne coglie “l’anima […], quel qualcosa che – scrive sul numero 5 della rivista – sta nel profondo, espressione della sua storia, valori che le persone che hanno abitato e abitano il territorio vi hanno immesso.”

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.