La storia insegna: massima cautela

opinioni e commenti di marco guggiari

di Marco Guggiari

Qualcosa si muove. Non cantiamo vittoria, però. Troppe sono le delusioni degli ultimi tredici anni, anche se c’è un percorso definito per il nuovo quartiere della Ticosa. O almeno se ne intravede un abbozzo nelle intenzioni della giunta comunale. La Ticosa è la questione delle questioni, la madre di tutti i fallimenti politico-amministrativi comaschi. La tintostamperia che non c’è più ha alle spalle tanta storia gloriosa, di produttività, di lavoro, di promozione del marchio Como nel mondo. Il problema è che quanto ne è rimasto ha generato a sua volta troppa storia di inazione, di improduttività, di inefficienza.

I numeri, come sempre, mostrano più delle parole. La grande fabbrica, dove si è soliti dire che ogni famiglia comasca ha avuto almeno un addetto, ha chiuso definitivamente i battenti nel 1982, dopo novant’anni di attività. Al segno più di quel lungo arco di tempo ha poi fatto riscontro il segno negativo dei quasi altri quarant’anni che ci portano a oggi.

Le ruspe in pompa magna del 27 gennaio 2007 avevano illuso. Dopo l’abbattimento dei ruderi lo stallo è proseguito e l’ultimo tratto è stato davvero avvilente, con la spianata desolatamente vuota, in parte ridotta a un ampio acquitrino e senza nemmeno la possibilità di farne un parcheggio per soddisfare la grande fame della città. Intanto il mondo cambiava e tante cose accadevano.

Il 2007 è lontano, è stato l’anno in cui nascevano Pd e Pdl; l’anno, per restare a noi, della strage di Erba; l’anno in cui Steve Jobs lanciava sul mercato il primo Iphone, la Ferrari vinceva il suo ultimo titolo mondiale; morivano Enzo Biagi e Luciano Pavarotti… E noi qui, ad almanaccare il futuro dell’area ex Ticosa. Consultare le raccolte dei giornali offre un incredibile spettacolo di titoli sulla tempistica dei lavori di bonifica, dei relativi bandi, del parcheggio provvisorio. Ogni volta con una data ipotetica, sempre mancata. E giù calcoli sui milioni di spesa, sempre in aumento.

Adesso, dicono, quasi ci siamo. L’ultima è: bando per l’appalto entro due settimane, cantiere in giugno, bonifica ultimata entro l’estate 2021. Incognite: le solite, più il meteo ed eventuali ricorsi, che non mancano mai. Poi verrebbero i veri lavori, quelli del futuro quartiere, secondo il piano che approderà domani in Comune nella Commissione II.

Nuova viabilità, grande autosilo interrato, nuovo municipio, esercizi commerciali e un polo culturale nell’edificio della Santarella. Tra gli obiettivi dichiarati il decentramento del traffico cittadino e l’accentramento in quell’area e, pare di capire, nell’ex caserma De Cristoforis, di numerose funzioni pubbliche oggi presenti in centro. Si parla di svolta pubblica. Arriveremo all’opera finita? Qui scattano ulteriori incognite, di secondo livello: la coesione della maggioranza che governa il Comune e la sua condivisione del progetto; il già annunciato referendum sul trasferimento degli uffici oggi dislocati a Palazzo Cernezzi e altrove.

È davvero il caso di rifugiarsi nel più trito e rassegnato ritornello: chi vivrà, vedrà.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.