Laboratorio Mozart: figuranti cercansi per la stagione lirica del Teatro Sociale

Teatro. Giovedì le selezioni
Il Teatro Sociale di piazza Verdi a Como, archiviata la bella stagione estiva in Arena, si appresta al debutto della nuova “Stagione Notte” che avverrà con la prima del Don Giovanni il prossimo 26 settembre. In preparazione di questo atteso evento, che vedrà l’opera di Mozart nelle mani di Graham Vick, regista inglese noto in tutto il mondo per la prima volta a Como, Lisa Navach, responsabile artistica del Sociale, sta lavorando alla produzione già da qualche giorno.

«È un’opera molto importante per noi – afferma Navach – partirà da Como e poi girerà l’Italia con 15 repliche. Al momento ci stiamo concentrando sulla ricerca di 12 figuranti. Le selezioni si terranno in teatro giovedì 28 agosto alle 17.30. In particolare, avremo bisogno di sei giovani uomini dal fisico atletico e di sei ragazze di bell’aspetto che abbiamo anche solo un’esperienza attoriale minima. Credo – aggiunge Navach – che potrà essere un’esperienza artistica davvero importante; non solo perché verranno retribuiti, ma soprattutto perché lavorare con un regista del livello di Graham Vick si rivelerà un’occasione unica, un’opportunità che non capita certo tutti i giorni. Chi vorrà coglierla dovrà inviare una email a szanon@salico.org, oppure presentarsi direttamente in piazza Verdi giovedì». 

Ma quale Don Giovanni vedranno i comaschi il 26 settembre (replica il 27)? «Innanzitutto – prosegue Navach – la scelta del capolavoro di Mozart è stata conseguente al “Concorso per giovani cantanti lirici” dell’As.Li.Co. dal quale sono emerse molte voci davvero interessanti. Graham Vick, regista inglese di fama internazionale, che lavora abitualmente con teatri prestigiosi come il Teatro Metropolitan di New York e che aveva espresso la sua volontà di confrontarsi con i giovani, porterà in scena un Don Giovanni audace ma sincero. In questi giorni sta lavorando con un entusiasmo davvero contagioso, contribuendo così a creare un clima meraviglioso».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.