L’agguato di Annone: fermato un 28enne di Pusiano

alt

Le indagini sui colpi di pistola che hanno ferito un 35enne residente a Erba

C’è un primo fermo da parte dei carabinieri della compagnia di Lecco, in merito all’agguato andato in scena il mattino di mercoledì in uno sfasciacarrozze di Annone Brianza. In manette è finito Mario Polito, 28 anni di Pusiano. Era presente al momento del litigio con il ferito, Kamal Louhabi, 35 anni algerino residente a Erba, poi raggiunto da due colpi di arma da fuoco alla gamba e all’addome.
Quest’ultimo non sarebbe per fortuna in pericolo di vita. Non sarebbe tuttavia Polito ad aver

impugnato la pistola per sparare all’avversario. Le ricerche sono infatti ancora in corso per risalire a chi avrebbe materialmente premuto il grilletto.
«Il mio assistito si dichiara completamente estraneo ai fatti – ha dichiarato ieri pomeriggio l’avvocato Marcello Perillo – Anche oggi l’ho incontrato ed è tranquillo perché l’esame dello stub dimostrerà che non ci sono tracce di polvere da sparo». La vicenda è stata tuttavia ricostruita con precisione. Il rivenditore di auto algerino avrebbe raggiunto lo sfasciacarrozze di Annone per trattare dell’acquisto di una autovettura da rottamare. E proprio in relazione a questa operazione sarebbe nato il litigio.
Polito avrebbe tuttavia dichiarato agli inquirenti di essersi allontanato prima dell’esplosione dei colpi e di non sapere chi abbia invece sparato al 35enne algerino residente a Erba. Una versione che sembra convincere, tanto che i militari dell’Arma sarebbero alla ricerca di un’altra persona che per il momento non si trova. Si tratterebbe presumibilmente di chi ha effettivamente sparato a Kamal. Il fermato, residente a Pusiano e di origini calabresi, sarebbe un amministratore della ditta di sfasciacarrozze. Le accuse nei suoi confronti parlano per il momento di concorso in tentato omicidio.
Nella vicenda, con i particolari ancora da verificare, rientrerebbe anche la sparizione di un notevole quantitativo di contanti che l’algerino aveva con sé, pare addirittura quasi 11mila euro. L’aggressione risale alle ore 11 della mattina di mercoledì. La vicenda è stata affidata alla Procura di Lecco.

M.Pv.

Nella foto:
L’algerino di Erba ferito dai colpi di arma da fuoco è ricoverato all’ospedale di Lecco

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.