Lago di Como basso, allarme di Coldiretti

Il livello delle acque del lago

Lario sempre più basso. E la tendenza è al peggioramento, se il Consorzio dell’Adda non deciderà di intervenire alle dighe di Olginate. Ieri sera infatti uscivano dal Lago di Como 99,5 metri cubi di acqua al secondo e ne entravano poco più della metà, 55,4 metri cubi al secondo.

Il clima mite e l’assenza di precipitazioni significative nell’ultimo periodo hanno fatto così scendere il livello di riempimento del Lario (al 25% rispetto ai limiti di regolazione) nonché il livello idrometrico del fiume Po, che è basso come in piena estate, con una quota di -2,4 metri.

«Una situazione – ha sottolineato ieri la Coldiretti di Como e Lecco – che ha spinto l’Autorità distrettuale di bacino a convocare per il 6 marzo l’Osservatorio sulle crisi idriche per fare il punto della situazione anche perché non si prevedono precipitazioni se non di scarsa entità, per cui potrebbero verificarsi ulteriori riduzioni dei livelli idrometrici anche del 20%».

IL CASO
Il meteo pazzo non giova nemmeno al bioritmo delle api. È ancora inverno anche se la colonnina di mercurio scandisce temperature quasi primaverili fino a 19 gradi a metà giornata, con alcuni alberi da frutto già in procinto di fiorire.

Ed ecco che gli insetti operosi credono già del tutto archiviata la brutta stagione e si mettono al lavoro. Coldiretti lancia l’allarme, gli apicoltori temono che un eventuale ritorno del freddo possa far gelare i fiori e anche far morire parte di questi insetti che escono dagli alveari per il caldo anomalo con un anticipo di circa 20 giorni.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.