Lake Como Waves, l’acqua incanta Villa Erba

lake como waves

Tra spettacoli, musica dal vivo, laboratori creativi, conversazioni, mostre, installazioni interattive e multimediali per grandi e piccoli. Alcune migliaia di persone hanno varcato sabato il cancello di Villa Erba per la giornata a ingresso libero e la prima edizione del “Lake Como Waves – correnti d’acqua”.
«Il tempo atmosferico ci ha aiutato – commenta soddisfatto Andrea Corti, direttore artistico del festival e partner di Olo Creative Farm che ha ideato il nuovo progetto culturale, prodotto da Villa Erba Spa in partnership con il Comune di Cernobbio e con il contributo di Intesa Sanpaolo – Già a metà pomeriggio erano presenti nel parco di Villa Erba oltre mille persone: tante famiglie, tantissimi bambini e ragazzi».
Molto apprezzati i laboratori e le sessioni di water yoga per adulti e bambini tenuti dall’Associazione Soham. «Vedere i prati coperti di persone distese sull’erba è stato bellissimo».
C’è poi chi si è divertito con le bolle di sapone giganti del “Bollaio Matto”. Al completo anche tutte le altre esperienze per ragazzi sulla tecnica artistica dell’acquarello, della pittura ad acqua e della Cianotipia (antica tecnica di stampa), a cura dell’Associazione Luminanda.
Il programma ha proposto un susseguirsi “no stop” di eventi rivolti a un pubblico trasversale anche nella Villa antica.
«La nostra ambizione – dice Corti – era anche lasciare al pubblico spunti di riflessione sull’inestimabile valore che ha l’acqua nella vita di tutti noi».
Le sale al piano terra della Villa storica e la darsena con il palco sull’acqua hanno fatto vivere un viaggio “immersivo” (sonoro e visivo) che ha incantato tutti. Ci sono stati anche vari momenti di riflessione su temi di grande rilevanza come la sostenibilità, l’ambiente, l’energia, il paesaggio e il benessere mentale e fisico. Con il buio la facciata fronte lago della Villa antica si è tinta di blu con effetti di luce, musica e suggestioni di onde.
Si sono alternati i suoni acquatici e ritmici del Collettivo La Foret con DJ Donut, l’arpista Mar Azul accompagnato da Josue Arias. Magica la conclusione a tarda notte: il progetto Stadi H di Cucina Sonora. Il pianoforte di Pietro Spinelli ha unito il classico al contemporaneo con una sperimentazione legata ai suoni dell’acqua.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.