L’allarme: Lago di Como basso. Riempimento al 10%

Lago di Como

Non piove da tempo e il Lago di Como è basso, vicino al minimo registrato negli ultimi settant’anni dal Consorzio dell’Adda, che all’interno di una banca dati conserva le altezze idrometriche giorno per giorno dal 1946.
Ieri, alle 18, si era a -49 centimetri rispetto allo zero idrometrico (il minimo storico del periodo è di -22).
Il tasso di riempimento del Lago di Como è del 10%, ovvero inferiore a quello di tutti i grandi laghi italiani. Il Lago di Garda fa eccezione visto che è al 91,4%, il Lago Maggiore a 31,5%, il Lago d’Iseo 16,4% e il Lago d’Idro 15,6%.
A livello nazionale, la Coldiretti ha già lanciato un allarme siccità in particolare per le pianure dell’Emilia Romagna, che vengono approvvigionate da Po. Al fiume non potranno essere d’aiuto i grandi laghi, come detto. La siccità straordinaria dell’inverno creerà così problemi alle culture tradizionali come cereali, frutta e ortaggi, ma anche alle semine del periodo, ovvero bietole e pomodori.
È vero che tradizionalmente l’inizio di primavera porta grandi piogge sul Comasco, ma la situazione attuale potrebbe avere ripercussioni dirette anche sulle rive del Lario, per via dell’acqua particolarmente bassa.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.