L’annuncio del ministro Salvini. Perquisizione della Finanza in una cooperativa sociale della provincia di Como

Guardia di finanza Como

«Da stamattina la guardia di finanza sta perquisendo la più grande cooperativa sociale della provincia di Como che si occupa della gestione dei migranti».
A parlare, ieri, non è stato un magistrato a conclusione delle indagini, bensì il Ministro dell’Interno Matteo Salvini che, nel corso di un convegno sulla cooperazione, ha dato la notizia su quanto stava avvenendo.
«Poi per carità in Italia si è colpevoli solo alla fine del percorso giudiziario» ha chiosato il titolare del Viminale.
La bomba – rilanciata dalle agenzie di stampa – è deflagrata nel pomeriggio di ieri. La guardia di finanza di Como avrebbe effettuato le perquisizioni nel corso della giornata, a partire dalla mattinata quando i militari delle fiamme gialle lariane avrebbero raggiunto la sede della cooperativa finita nel mirino dell’indagine.
La conferma arriva direttamente dal presidente di Confcooperative Insubria, Mauro Frangi, che precisa: «La prima ad essere danneggiata, se fosse confermata l’ipotesi investigativa, sarebbe proprio la cooperativa stessa – ha commentato Frangi – Interessata alla perquisizione è la Cooperativa Intesa Sociale. L’ipotesi avanzata, infatti, è che una persona interna alla cooperativa abbia approfittato del suo ruolo per un arricchimento personale. I fatti sono riferiti ad un periodo antecedente al 30 aprile 2017. Alcune risorse della cooperativa sarebbero state dirottate su una società terza, un fornitore della stessa».
Le fiamme gialle hanno perquisito la sede e acquisito la documentazione amministrativa relativa alla contabilità.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.