L’annuncio: per Natale la rotatoria di Villa Olmo

Incrocio Villa Olmo

Se per il parcheggio della Santarella c’è una firma, ma ancora nessuna data (QUI l’articolo), l’assessore alla Viabilità del Comune di Como, Pierangelo Gervasoni si è sbilanciato ieri su un’altra opera viabilistica molto attesa, la rotatoria di Villa Olmo, tra via Borgovico, via Bellinzona e via Per Cernobbio.
L’intervento è stato approvato dalla giunta, che ha già stanziato 325mila euro. «L’unica valutazione che verrà fatta nelle prossime settimane – dice l’assessore – riguarda se realizzare una rotatoria provvisoria come per piazza San Rocco e poi l’opera definitiva o invece intervenire subito con la definitiva». «Tra dicembre e gennaio verranno realizzati i lavori – dice ancora Gervasoni – non si tratta di un intervento complesso e i benefici in tema di sicurezza stradale saranno immediati».
Nella relazione che accompagna la delibera si precisa infatti che la rotatoria andrà a migliorare la sicurezza di veicoli e pedoni e a cancellare «l’insicurezza percepita dai conducenti che si apprestano all’incrocio». Numerosi gli incidenti che si verificano ogni anno all’intersezione per il complesso.
Dieci anni fa, proprio lo svincolo era stato oggetto anche di un “caso nazionale”. Finito sotto la lente del rotocalco “Stradafacendo” del TgCom come la rotatoria mancante nell’Italia in cui è invece fiorente il fenomeno della rotatoria selvaggia. A breve è annunciata la soluzione del problema. Previsto anche un nuovo e più potente impianto di illuminazione.

Articoli correlati

1 Commento

  • Massimo Cordasco , 31 Ottobre 2020 @ 19:04

    E’ certamente una buona notizia. Ma a fronte di questa è importante ricordare che all’incrocio tra la via Varesina e la via della Bastiglia è ancora precluso l’accesso da destra a quest’ultima, nonostante che i lavori( finanziamento Esselunga) sia ultimati da oltre un anno. Chi esce dalla via Collina ed è diretto verso Breccia in direzione dell’ospedale è costretto ancora a scendere in via Badone, prendere la via P.Paoli, percorrerla quasi tutta, svoltare in via Giussani e quindi al terzo semaforo della stessa svoltare a sinistra. E’ un percorso vizioso che serve solo ad aumentare il traffico in entrata in città e, di più, indispettisce perché i lavori, come detto, sono ultimati da quattordici mesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.