L’autopsia: il 36enne di Mozzate ucciso da un solo fendente al petto

Carabinieri omicidio Mozzate 1

Un solo fendente diretto al petto, scagliato con forza, in grado di uccidere senza lasciare scampo. Sarebbe questo il primo riscontro dell’autopsia effettuata dall’anatomopatologo del Sant’Anna, Giovanni Scola, sul corpo di Lorenzo Borsani, 36enne di Mozzate ucciso al termine di una lite da Flavio Briancesco, 49enne con cui aveva avuto un diverbio.

Un solo fendente dunque, inferto da un coltello con la lama estraibile della lunghezza complessiva di 23 centimetri. La vittima aveva altri segni sul braccio, sempre riconducibili a un’arma da taglio, ma secondo l’esame autoptico queste sarebbero delle lesioni di difesa, ovvero successive a un tentativo da parte di Borsani di parare il colpo che stava per ricevere e che è poi risultato fatale.

Ulteriori dettagli sul Corriere di Como in edicola mercoledì 12 agosto

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.