Lavori ad Argegno, i mezzi di soccorso dovranno segnalare il loro passaggio
Territorio, Trasporti e viabilità

Lavori ad Argegno, i mezzi di soccorso dovranno segnalare il loro passaggio

Auguriamoci che non accada nulla di grave nei prossimi 15 giorni. Nulla cioè che debba costringere i mezzi di soccorso a transitare sulla Regina, ad Argegno. Perché lo sbarramento dovuto al cantiere della frana sarà totale. E per farsi “aprire” il passaggio serviranno tra i 15 e i 17 minuti. Il tempo necessario agli operai per spostare il pesante macchinario che ogni sera sarà operativo sulla carreggiata.

È questo uno dei punti più delicati di tutta l’operazione “frana” che partirà questa sera e si concluderà la notte del 2 giugno. Durante la riunione in via Volta, convocata lo scorso martedì dal prefetto Bruno Corda, si è discusso a lungo del problema emergenze. Vigili del fuoco, ambulanze, automediche e persino le forze dell’ordine non avranno alcuna possibilità di farsi strada con i loro mezzi nell’area di cantiere, occupata da una trivellatrice di grandi dimensioni. Qualora fosse assolutamente necessario, la sala operativa sarà quindi costretta ad avvisare telefonicamente gli addetti allo stesso cantiere. Chiedendo loro di spostare la trivellatrice. L’operazione, come detto, dura almeno 15 minuti. Un tempo lunghissimo in casi di emergenza sanitaria. E non a caso, su questo punto, la discussione al tavolo della Prefettura sembra sia stata molto animata.

D’altronde, tutti i percorsi alternativi sono più lunghi o addirittura inaccessibili. Il passaggio attraverso i centri abitati di Schignano, Cerano e Castiglione d’Intelvi non si fa in meno di 15-20 minuti. E la Val Mara non è nemmeno da prendere in considerazione. Resterebbe il giro largo dalla Svizzera via autostrada, ma è buono soltanto per chi da Como deve tornare verso Porlezza o l’Altolago. E comunque, non potrebbe essere utilizzato dalle ambulanze o dai pompieri.

21 maggio 2018

Info Autore

Redazione Corriere di Como

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto