“Le stanze dell’arte” al via con Jermini

Johann_Sebastian_Bach

Resistere alla pandemia. Una lotta quotidiana per il mondo dello spettacolo. Spesso durissima, impari, a volte del tutto persa in partenza perché le forze mancano o manca la capacità di osare, guardare oltre l’ostacolo del momento, allargare l’orizzonte.
Un esempio virtuoso viene al Lario ancora una volta dalla vicina Svizzera. Parte oggi alle 20.30 con un recital del giovane pianista classe 2000 Andrea Jermini la rassegna in streaming Le stanze dell’arte dal palcoscenico del Cinema Teatro di via Dante a Chiasso, che quest’anno festeggia vent’anni dall’ultimo restauro.
Il ciclo di concerti è una iniziativa del Centro Culturale Chiasso con la quale si intende dare spazio a giovani talenti della Svizzera italiana che in questo momento difficile per le arti hanno difficoltà a esprimersi, dar prova del loro talento, provare e suonare, trovare lavoro.
I concerti trasmessi in diretta streaming, gratuitamente, dal sito www.centroculturalechiasso.ch e il concerto di oggi sarà preceduto da un breve video in cui Andrea Jermini si presenta e parla di sé; l’esibizione sarà introdotta e illustrata dal maestro Francesco Bossaglia, dal vivo in teatro; al termine – sempre tramite la pagina dedicata dal sito www.centroculturalechiasso.ch – il pubblico potrà interagire con il pianista attraverso la piattaforma Zoom; sarà possibile infine vedere o rivedere il concerto registrato, dalla stessa pagina web, per sette giorni.
La rassegna proseguirà poi con altri tre concerti: Milo Ferrazzini con Claude Hauri (16 febbraio), Emanuele Zanforlin e Silvia Pellegrini (23 febbraio), Elisa Netzer (2 marzo). In programma oggi di J. S. Bach (1685-1750) la Suite Inglese no.4 in Fa maggiore, BWV 809, di W.A. Mozart (1756-1791) la Sonata no.10 in do maggiore, Kv. 330 e di R. Schumann (1810-1856) pagine dai celebri Fantasiestücke, Op. 12.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.