Letizia Gambi: «Il mio lockdown in casa a Miami»

Letizia Gambi

La cantante partenopea e comasca di adozione Letizia Gambi è bloccata dalla pandemia a Miami.
«Sono chiusa in casa dal 13 marzo – dice – sono uscita una sola volta, dopo 71 giorni, la scorsa settimana. Vivo in attesa di capire quando potrò tornare a esibirmi e soprattutto rientrare a Como per riabbracciare la mia famiglia».
«Qui in Florida non c’è mai stato un ordine restrittivo come quello messo in atto a New York o da noi in Italia – precisa – Hanno chiuso tutti i negozi e ristoranti, palestre e piscine, ma si poteva uscire e andare a trovare amici e parenti. Hanno lasciato la possibilità di assembramento per motivi religiosi e tra i negozi lasciati aperti, considerati di “prima necessità”, hanno incluso quelli di armi».
Letizia è negli Usa con un visto triennale che viene concesso agli artisti e agli sportivi.
«Ho constatato – dice Letizia – che la vita da artista ti rende meno vulnerabile in situazioni come queste. Noi siamo abituati a vivere senza certezze, senza sapere cosa succederà domani, aspettando la telefonata che potrebbe non arrivare mai. A inventarci e reinventarci per sopravvivere e restare nel gioco. Una sera firmi autografi e la mattina dopo un produttore può dirti che non vali perché non hai abbastanza seguaci sui social. Siamo l’unica fonte di motivazione che abbiamo. A me il lockdown ha fatto un baffo: sono nata precaria».
Letizia collabora da anni con mostri sacri della musica come Lenny White (tre Grammy, batterista di Miles Davis in Bitches Brew) e Ron Carter (contrabbassista nel mitico quintetto di Davis), è membro della Recording Academy e vota per i Grammy Awards da 9 anni. «Dovevo fare uscire a breve il nuovo album cui ho lavorato per due anni con il mio produttore Lenny White. Dovevo andare in studio a registrare a New York, stavo terminando una cover di Gato Barbieri (con cui ho avuto la fortuna di lavorare prima che morisse) e volevo far uscire il singolo in occasione del suo compleanno a novembre, ma questa situazione ha cambiato tutto. Ero a Miami e ho deciso di non muovermi. Vivo sospesa come tutti i lavoratori dello spettacolo».
Letizia Gambi, che ha bloccato due tour (uno negli Usa con la sua band e uno mondiale, ospite di ospite di Fahir Atakoglu e della sua orchestra, che prevedeva anche una tappa presso la sede delle Nazioni Unite a New York) ha però partecipato a un progetto musicale con altri 20 artisti e vip internazionali (inclusi Joe Bastianich e Saturnino) per raccogliere fondi per la Croce Rossa Italiana. Il video è su YouTube.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.