Libertas, Santo Stefano amaro

alt

Pallavolo Serie A2 maschile
Stop casalingo nel derby del Parini con Milano

Sconfitta per la Libertas Cra Cantù, battuta in casa per 1-3 nel match disputato ieri al palasport Parini dal Milano. Un risultato tutto sommato a sorpresa, quello dell’undicesima giornata di serie A2 di volley, se si considera che, nella squadra ospite non c’erano due giocatori di punta come Milan Bencz e Filipe Pinto, che erano impegnati con le rispettive Nazionali.
A suggellare una giornata no, anche l’infortunio al capitano canturino Umberto Gerosa, che nel secondo tempo è stato costretto

ad uscire a causa di una distorsione a una caviglia. Un evento che si è rivelato determinante, perché la formazione di casa aveva vinto il primo set, con il punteggio di 25-21, e nel secondo ha perso (22-25), visto che i brianzoli hanno faticato, senza uno dei loro uomini di riferimento, a ritrovare la giusta intesa.
Nel terzo parziale sono i milanesi più concreti a gestire il gioco e Cantù fa fatica a reagire lasciando troppo spazio al gioco degli ospiti, che si impongono per 20-25. Nel quarto, i canturini giocano in vantaggio fino alle fasi finali, quando lasciano poi spazio al gioco degli ospiti che vanno a vincere meritatamente (23-25).
Al termine Massimo Della Rosa, tecnico canturino, non ha nascosto la sua delusione per questo risultato. «Peccato, perché bastava un po’ più di concretezza per fare nostra questa partita – ha sottolineato il coach – ma l’infortunio di Gerosa ci ha in parte condizionati».
«Sicuramente abbiamo giocato una gara all’altezza della situazione – ha aggiunto l’allenatore – ma siamo mancati però di concretezza nelle fasi importanti e abbiamo sbagliato troppo».
Prossimo impegno della Libertas domenica 29, sul campo del Brolo Messina.

Nella foto:
Una fase della gara di ieri al palasport Parini, con Milano all’attacco (foto Milanta)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.