Libri e media, identità forti nel mondo di oggi

Francesco Cevasco

Che ne sarà dei libri e dell’informazione culturale, al tempo della pandemia? Lo abbiamo chiesto a Francesco Cevasco, penna autorevole del “Corriere della Sera” dove ha diretto le pagine culturali. Cevasco è amico di lunga data di Como e della sua cultura, ed è giurato del premio letterario internazionale “Città di Como” di cui è in corso la settima edizione.
«Spesso gli amici per pigliarmi un po’ in giro mi chiamano “Nostradamus” perché sono piuttosto incline a previsioni pessimistiche. Di questi tempi però parlando di editoria, libri e informazione mi dico invece ottimista, e non per istinto ma per ragionamento. Dobbiamo constatare – dice Francesco Cevasco – che in questi tre mesi di lockdown un sacco di gente che considerava i libri poco più di oggetti da arredamento, tanto da impilarli in base ai colori o all’estetica senza coltivare alcuna autentica passione per la lettura, ha scoperto che hanno contenuti, e che vale la pena ascoltarli. Anche a me è capitato di riscoprire libri che non rileggevo da tempo come i Tre racconti di Gustave Flaubert che ricordo di avere letto per la prima volta da giovane. È stato un dono imprevisto dell’emergenza e adesso che si può tornare di nuovo in libreria penso che a molti sia venuta la voglia di guardarsi intorno tra gli scaffali e scoprire le novità che in effetti sono uscite in grande quantità».
«Molti poi – aggiunge il giornalista – hanno scoperto il libro elettronico, e magari si sono resi conto che le serie tv famose che hanno seguito sul piccolo schermo si devono a qualche grande scrittore e sono andati a leggerlo. Quindi auspico in generale un rinnovato interesse per le librerie e spero che i librai possano avere fiducia nel futuro. Il desiderio di libertà che ci anima dopo la quarantena è anche desiderio di lettura».
Lo stesso vale, secondo Cevasco, per la comunicazione e per il suo ruolo nella società contemporanea: «I giornali hanno continuato a raccontare il mondo durante la pandemia, si sono confrontati quotidianamente con una realtà che drammaticamente cambiava sotto i nostri occhi e hanno tenuto vivo e costante il loro impegno di testimonianza sul presente. Nel mondo culturale si percepiva e ancora si percepisce una tensione mai domata a ricominciare appena possibile, e lo documenta la pioggia di nuovi libri che escono ora tutti insieme. I media, libro compreso, vivono da tempo una grande transizione, di cui la pandemia è solo un aspetto. E credo che rimarranno: quando nacque la radio dissero che i giornali di carta sarebbero scomparsi, e lo stesso dissero della radio con l’ascesa della tv. Dovremo certo cambiare modalità, strumenti di espressione, ma la identità profonda del nostro lavoro non potrà cambiare».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.