L’inchiesta sulle presunte tangenti, Andrea Butti ha parlato. Il legale: ora chiederemo la revoca dei domiciliari

agenzia delle entrate como

Lunedì ha parlato Stefano Pennestrì, oggi è stato il turno di Andrea Butti e nelle prossime ore toccherà ad Antonio Pennestrì sedersi davanti al pubblico ministero Pasquale Addesso per parlare del presunto giro di mazzette ai dirigenti dell’Agenzia delle Entrate in cambio di favori sulle pratiche fiscali.
L’inchiesta della Procura ha portato a cinque arresti. Se nei primi interrogatori la scelta più gettonata è stata il silenzio, ora la situazione è cambiata. Il primo a chiedere di essere interrogato è stato il commercialista Stefano Pennestrì. Il contenuto dell’interrogatorio è stato secretato. Oggi ha parlato l’unico imprenditore tessile arrestato che aveva subito ottenuto i domiciliari, Andrea Butti, che ha chiesto di essere sentito dal magistrato. Al termine dell’interrogatorio, il suo legale Angelo Giuliano ha dichiarato: «Abbiamo risposto a tutte le contestazioni del pubblico ministero e alla luce di questo presenteremo istanza di revoca dei domiciliari».
L’articolo completo sul Corriere di Como in edicola giovedì 4 luglio

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.