Lischio, acrostici per neonati

Il Collegio Gallio di Como

Viene presentato oggi alle 15.30, nell’asilo del Collegio Gallio di Como in via Tolomeo Gallio (ingresso libero), il libro dello scrittore comasco Giovanni Lischio Il mondo in una culla (alfabeto poetico per neonati).
Si tratta di una raccolta di 250 nomi – maschili e femminili, italiani e stranieri – in cui una madre, nel deporre il proprio bimbo in una culla, riscopre il territorio vergine dei sentimenti e degli affetti quale doveva apparire il mondo ai suoi albori.
Ogni acrostico si apre e chiude nel breve respiro delle lettere iniziali di ciascun nome, ma messi insieme – uno dopo l’altro, in questo lungo e tenero alfabeto poetico – danno vita a un muto e interminabile dialogo che trova le parole giuste solo nel cuore di chi le pronuncia e di chi le ascolta.
Un mondo di acrobatici virtuosismi, rigorosamente inclusivo e multietnico, che rinnova l’antica arte dell’acrostico, componimento poetico dove le prime lettere di ogni verso lette per ordine danno un nome o un’altra parola di senso compiuto. Qui si va dalla lettera “A” di «Ada, sei bella come la rugiada / Del mattino: il mattino della vita / Ai suoi albori e subito fiorita» fino alla lettera “Z” di Zhu, raccontato così: «Zirlano i tordi elevando all’amore – / Ha il tuo volto, i tuoi tratti, il tuo colore – / Un canto dolce che conquista il cuore». Il comasco Giovanni Lischio, 80 anni e nonno, è noto autore di romanzi, gialli, favole, poesie ed acrostici, e al Gallio ha a lungo insegnato.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.