Liste d’attesa e personale, i problemi della sanità

Personale sanitario

Problemi organizzativi e insieme economici. Che si fanno pressanti in un momento storico delicato, in cui la sanità privata italiana non riesce a trovare l’accordo per il nuovo contratto e i costi delle imprese sono in continua crescita.
Si è parlato anche di questo nella prima delle due giornate di studi organizzate ieri a Como in una sala del Metropole Suisse nell’àmbito della Winter School di Motore Sanità.
Cronicità, gestione del personale, sistemi fiscali, reti di servizi. I temi al centro della discussione hanno toccato un po’ tutti i grandi problemi che oggi agitano il mondo della sanità in Lombardia.
La questione che riguarda il personale è sicuramente una delle più importanti, come ha sottolineato ai microfoni di Etv il direttore sanitario dell’ospedale Valduce, Claudio Zanon. «Il personale del sistema sanitario nazionale è spesso sottopagato e in certi casi carente dal punto di vista numerico. È importante oggi stabilire con chiarezza quali debbano essere gli standard, quale il numero necessario interno agli ospedali e alla medicina territoriale per dare una risposta efficace ai bisogni dei cittadini».
Il sistema sanitario «sta cambiando – dice ancora Zanon – da un sistema fiscale di rete sta diventando un sistema misto». In questo senso sono quindi necessari aggiustamenti e nuovi modelli gestionali. Anche se il vero problema, a Como così come altrove, è la lungaggine delle liste di attesa. «Su questo – dice Zanon – occorre dare una risposta a breve: è sicuramente un problema organizzativo ma anche economico».
Altro tema che secondo il direttore sanitario del Valduce andrebbe affrontato in maniera prioritaria è la «cronicità, su cui però la Regione Lombardia si è impegnata con una riforma e un lavoro che sta crescendo e sta anche iniziando a dare i primi risultati».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.