Lite tra vicini, imputazione coatta per un’intera famiglia

Uggiate Trevano

Il giudice delle indagini preliminari di Como ha ordinato alla Procura l’imputazione coatta di una intera famiglia di Uggiate Trevano – padre, madre e figlio trentenne – accusata di stalking. Vessazioni e atti persecutori che sarebbero iniziati addirittura nel 2014 e proseguiti negli anni senza interruzione e ai danni non solo del nucleo familiare accanto – composto tra gli altri da una ragazza minorenne – ma anche di chi arrivava a trovarli.
Tre le denunce querele che sono state nel frattempo presentate, una riferita a un pugno ricevuto nel 2015, una a un vaso di terracotta lanciato da un balcone all’indirizzo del capofamiglia e l’ultima – datata novembre 2016 – per un tentativo di investimento mentre il vicino di casa era in sella a una moto. Ma stando a quanto raccontato dalla famiglia vessata ci sarebbe dell’altro: minacce agli ospiti che transitavano dal vialetto comune d’accesso alle abitazioni, il cane aizzato contro di loro, corrieri rimandati indietro negando l’esistenza del nucleo familiare cui erano indirizzati i pacchi e pure le mani di uno degli indagati infilate nella posta dei vicini, sottraendo lettere e missive. Vicenda che è confluita nel fascicolo in carico alla Procura per cui era però stata chiesta l’archiviazione ritenendo la questione legata a mere criticità di relazioni tra vicini. Posizione che però non aveva trovato d’accordo i legali della parte lesa che si sono opposti, ottenendo il pronunciamento favorevole del gip che, nelle scorse ore, ha ordinato l’imputazione coatta.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.