Lo sconcerto del Sant’Anna e dell’Asl lariana

alt Parlano i vertici di via Ravona e di via Pessina

(a.cam.) «Siamo pronti a far fronte alla gestione del possibile aumento di pazienti legato alla sospensione dell’emodinamica del Valduce. Per quanto riguarda l’emergenza, i malati correranno alcun rischio. Per l’attività programmata, il Sant’Anna e il presidio di Erba potranno assorbire i malati che non potranno effettuare gli interventi previsti in via Dante».
Marco Onofri, direttore generale dell’azienda ospedaliera di via Ravona, non si aspettava la chiusura improvvisa dell’emodinamica

del Valduce.
«Venerdì scorso, la direzione sanitaria e il 118 hanno ricevuto una nota con l’annuncio della sospensione delle attività – dice il numero uno di via Ravona – Non avevamo avuto alcun preavviso o comunicazione preventiva. In ogni caso, ne abbiamo preso atto e ci siamo messi subito a disposizione per evitare problemi ai pazienti».
Il laboratorio di emodinamica e di cardiologia interventistica dell’ospedale Sant’Anna è attivo 24 ore su 24 e garantisce, in caso di urgenza, il trattamento di angioplastica per i pazienti colpiti da infarto. A questo si aggiungono poi gli interventi programmati.
Nel 2012, gli specialisti di San Fermo hanno effettuato complessivamente circa 1.300 procedure. Nel dettaglio, 537 sono state le angioplastiche coronariche sia in emergenza sia programmate. A queste si aggiungono 149 angioplastiche non coronariche e 23 procedure diverse, in collaborazione con la neurochirurgia. Il trend, confermato anche per il 2013, potrebbe ora avere un aumento legato alla chiusura di via Dante.
Tornando alla sospensione dell’emodinamica del Valduce, la comunicazione è giunta soltanto venerdì scorso all’Asl. «Abbiamo chiesto spiegazioni – fanno sapere da via Pessina – e abbiamo poi avuto una risposta dal Valduce. Vigileremo sulla situazione, in attesa abbiamo avuto rassicurazioni sulla volontà del Valduce di riprendere le attività».

Nella foto:
L’ospedale Sant’Anna avrà un inevitabile carico di lavoro maggiore che in passato

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.