Lo studio: parcheggi per i residenti di Como a peso d’oro. Ma in grandi e piccole città sono gratis

Como, piazza Roma

È giusto, etico, spremere i residenti come limoni facendo pagare loro cifre considerevoli per un parcheggio sotto casa? Como lo fa da anni. Altre città, grandi e meno grandi, scelgono opzioni del tutto diverse. Perché? E perché il capoluogo lariano insiste nel mettere a bilancio centinaia di migliaia di euro sotto la voce posteggi dei residenti? Servono davvero quei soldi per far quadrare i conti?
Nella recente storia amministrativa di Como la vicenda dei cosiddetti “posti blu” occupa interi capitoli. Tutti più o meno con lo stesso finale: si paga e basta.
Il consiglio comunale dovrà infatti votare e approvare tra breve una modifica del regolamento della sosta delle auto dei residenti. Modifica che la giunta ha motivato con la necessità di adeguare lo stesso regolamento a una norma che esclude la possibilità di riserve di posti per gli ospiti di strutture alberghiere. L’occasione è buona per riaprire la discussione sul tema. Per rimettere in gioco lo stato dell’arte. Almeno così la pensa il consigliere di Civitas, Bruno Magatti, che in vista del voto in consiglio ha pensato di gettare uno sguardo su ciò che accade in altre realtà del Paese, per dimostrare non soltanto che la «proposta di modifica non offre alcuna risposta alle necessità di molti cittadini, elude le attese e addirittura peggiora, in qualche caso, le controverse condizioni poste ai comaschi». Ma anche, e soprattutto, che il capoluogo lariano è preda di una logica ferrea del profitto da parcheggio. Una logica, ovviamente, che non risparmia i residenti.
Magatti ha elaborato un breve report, intitolato Che ve ne pare. Parcheggi per residenti a Como 2.0 e ha messo in fila alcuni dati. Che dimostrano in modo abbastanza inequivocabile la scelta della città lariana di fare il più possibile cassa con i posti auto. Senza guardare in faccia ad alcuno.
«A Como – scrive Magatti – oltre ai 16 euro della domanda (che in caso di non accoglimento non sono nemmeno rimborsati), il cittadino paga 170 euro l’anno per il primo posto blu e 340 euro l’anno per il secondo. Per il posto giallo la cifra sale a 374 euro, che con il nuovo regolamento, per i posti “coperti” (come in Borgovico) lieviterà fino a 680 o addirittura a 850 euro l’anno. Al di là del sorteggio, che non esiste nelle realtà che ho indagato, a Milano, Bologna, Roma, Firenze e Varese i posti blu per residenti sono gratuiti. A Genova – scrive ancora Magatti – la tariffa è di 25 euro l’anno, a Palermo di 10 euro l’anno».
Lo studio va avanti. «A Bari, per la prima auto il costo è 30 euro l’anno. In altre città le tariffe sono correlate all’Isee o alla potenza del mezzo parcheggiato: a Torino, ad esempio, si va da un minimo di 10 euro a un massimo di 180 euro, a Napoli da 10 a 150 euro l’anno. Interessante è poi notare che la validità del permesso è di tre anni a Milano, illimitato fino al permanere delle condizioni a Roma, città che permette la sosta gratuita anche agli artigiani che hanno il laboratorio nel settore. Genova la concede anche a chi è ricoverato per cure mediche (pensate che cosa succede al Sant’Anna e al Valduce). Insomma. Si può fare in ben altra maniera. Ed è bene che i cittadini ne siano consapevoli».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.