L’ombra del terrorismo sull’accoltellamento alla Manor di Lugano, ferite due donne

Sull'accoltellamento indagano la Polizia cantonale e la Fedpol

Si fa sempre più concreta l’ombra del terrorismo su un’aggressione avvenuta nel primo pomeriggio di ieri al quinto piano dei grandi magazzini Manor di Lugano, in Canton Ticino. Una 28enne svizzera ha accoltellato altre due donne, clienti del centro commerciale, una delle quali è ferita in modo grave.

Fin da subito la Polizia cantonale non ha escluso la pista di un attentato di matrice terroristica e le indagini proseguono in tutte le direzioni.

La 28enne avrebbe aggredito le due donne impugnando un coltello. Ha messo le mani al collo di una delle vittime, cercando di strangolarla, poi ha ferito l’altra con il coltello, prima di essere bloccata da due clienti dei grandi magazzini. Una delle donne aggredite ha riportato ferite gravi ma non sarebbe in pericolo di vita.

La Polizia cantonale, come detto, non esclude che alla base del gesto vi siano motivazioni terroristiche e lavora in stretta collaborazione con l’Ufficio federale di polizia (Fedpol), con la polizia della Città di Lugano e altre autorità competenti.

Nel corso di una conferenza stampa che si è svolta a Bellinzona  nella sala conferenze della Centrale comune di allarme (Cecal), il presidente del Consiglio di Stato Norman Gobbi ha sottolineato che «i fatti avvenuti a Lugano sono della massima gravità», tanto è vero, ha aggiunto, che nelle indagini è stato subito coinvolto l’Ufficio federale di polizia.

Scarsi, invece, i dettagli forniti dalle autorità sulla 28enne fermata dopo l’aggressione. Il comandante della Polizia cantonale Matteo Cocchi ha confermato che si tratta di una cittadina svizzera e che la donna impugnava un coltello. A proposito delle testimonianze di chi ha raccontato di aver sentito la 28enne inneggiare all’Isis. le autorità elvetiche si sono limitate a dire che sono in corso accertamenti.

Tra le ipotesi al vaglio degli inquirenti, la possibilità che la 28enne si sia radicalizzata in Svizzera. Si sta anche cercando di capire se esistano legami con in recenti attentati messi a segno in Francia.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.