L’Ovale di Chiasso cambia pelle: la struttura si prepara ad ospitare uffici e centri direzionali

Centro Ovale Chiasso

Cambia pelle e destinazione il Centro Ovale di Chiasso, la struttura commerciale con la caratteristica forma, tra un uovo e un transatlantico, realizzata a poche centinaia di metri dalla dogana italiana e visibile anche dall’autostrada.
Inaugurato nel 2011, il centro commerciale non è di fatto mai decollato del tutto. Così, ecco il cambio, annunciato ieri dal presidente del cda, Massimiliano Tasinato e da Miranda Cok, rappresentante della famiglia proprietaria. Il Centro Ovale ospiterà uffici e centri direzionali, grazie al cambio di destinazione dello stabile. L’ultima attività commerciale-artigianale, un centro estetico al piano terreno, aveva lasciato i locali alla fine del mese scorso.
«I primi otto anni di vita di questa struttura non sono stati i migliori: l’auspicio di vederlo il prima possibile pieno è positivo per tutta la regione», ha commentato sul portale del quotidiano “La Regione Ticino”, il sindaco di Chiasso, Bruno Arrigoni. La destinazione a uffici riguarderà i piani dall’1 al 4 per circa 8.500 metri quadrati. Il piano terreno, invece, collegato con l’autosilo, manterrà alcuni spazi commerciali, mentre il 5° livello ospiterà aree ricreative per chi lavori negli uffici.
Alcune società già attive a Chiasso avrebbero dimostrato interesse a entrare con uffici nel “maxi-uovo”. Nel recente passato, all’interno della struttura, si era pensato anche di realizzare un polo del lusso e un museo di figurine.


Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.