L’Unione europea riconosce il certificato Covid svizzero

Svizzera

Da venerdì 9 luglio è diventato finalmente bilaterale il certificato Covid svizzero. L’Unione Europea ha ufficialmente riconosciuto il green pass rossocrociato e, allo stesso tempo, la Svizzera ha garantito la validità dei certificati emessi negli Stati membri dell’Unione e dell’Aels (Associazione europea di libero scambio) ovvero Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia, Germania, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia e Lituania.

Il certificato svizzero, che era già stato sviluppato per avere una compatibilità a livello internazionale, è stato collegato all’interfaccia digitale dell’Ue dalla notte tra l’8 e il 9 luglio. Ogni Paese può poi definire proprie disposizioni di entrata in funzione dell’evoluzione epidemiologica. «È quindi importante che i viaggiatori in possesso del certificato si tengano costantemente aggiornati sulle attuali disposizioni di entrata del Paese di destinazione», spiegano in una nota dal governo della Confederazione elvetica.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.