Lutto per l’Aci e l’automobilismo: è morto Giovanni Trinca Colonel

Giovanni Trinca Colonel

Storico presidente dell’Aci di Sondrio, organizzatore del Rally Coppa Valtellina e da sempre amico dell’Aci di Como, con cui negli anni ha costantemente collaborato. Il mondo dei motori piange la scomparsa di Giovanni Trinca Colonel, nella foto, morto all’età di 72 anni dopo una lunga malattia. Prima pilota, poi promoter di gare, Trinca Colonel dal maggio del 1991 era diventato presidente dell’Automobile Club di Sondrio. Tra le sue cariche, il ruolo di vicepresidente della commissione slalom della Federazione Csai (ora AciSport) e la guida del comitato regionale Aci Lombardia.

La sua grande passione per lo sport lo ha sempre visto in prima linea nell’organizzazione di competizioni: il Trofeo Valtellina – rally sprint – in primavera e, verso l’autunno, il Coppa Valtellina (la corsa più antica d’Italia dopo il Targa Florio). Manifestazioni apprezzate da piloti e appassionati che per anni si sono sfidati sulle impegnative strade della zona di Sondrio e dove la presenza comasca è sempre stata folta. Trinca Colonel era sempre sul pezzo, con il suo modo di fare apparentemente burbero, ma in realtà pronto a dare una mano, a regalare una battuta, e allo stesso tempo a riprendere severamente chi andava sopra le righe.

Come detto, per passione, prima di tutto, e anche per il suo ruolo istituzionale, Giovanni Trinca Colonel è sempre stato vicino all’Aci di Como e alla sua gara: una collaborazione che si è protratta negli anni.

Per l’automobilismo lombardo e i suoi riferimenti istituzionali un 2020 doloroso: la scomparsa di Trinca Colonel si aggiunge infatti a quella del promoter intelvese Enrico Manzoni, all’inizio del mese di aprile, e a quella di Gigi Bigatti, morto all’inizio dell’anno, storico delegato sportivo di Pavia e pure prezioso coadiutore dell’organizzazione del Rally Aci Como-Etv.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.