di Agostino Clerici, Opinioni & Commenti

Maggiolini, «vescovo gagliardo»

di Agostino Clerici

L’11 novembre di dieci anni fa si spegneva la voce di monsignor Alessandro Maggiolini. Io, che ne fui anche il “portavoce” – e in questo compito rimasi perlopiù… disoccupato, visto che il vescovo di Como la voce sapeva portarsela da solo nell’arena dei media – vorrei ricordarlo nello spazio di un breve articolo, alla luce anche della commemorazione ufficiale avvenuta domenica pomeriggio in Duomo.

Credo che dieci anni siano stati un tempo sufficiente a dimenticare, ma sono ancora troppo pochi per ricordare veramente Maggiolini. L’archivio del Centro Rusca si sta attrezzando per offrire la disponibilità del suo archivio privato – soprattutto dei circa 2.000 articoli apparsi su quotidiani e riviste in 50 anni di feconda attività pubblicistica – e della sua biblioteca composta da oltre 5mila volumi. Un tesoro che continua a mantenere viva la voce di Maggiolini e che permetterà agli studiosi di penetrare nella trama della ricca tela da lui tessuta nell’ambito teologico e in quello mediatico. Del resto, il ruolo di un archivio è proprio quello di far parlare delle carte che altrimenti sarebbero morte, così da permettere semmai la rimodulazione postuma di un giudizio, che la cronaca non riesce mai compiutamente a dare.

Oltre ai documenti e ai ricordi di chi l’ha conosciuto, anche i libri di mons. Maggiolini – con le dediche, le sottolineature, le note a margine e magari i fogli di appunti allegati – ci aiutano a comprendere la sua personalità. Tra i suoi libri, che sono in fase di catalogazione al Centro Rusca, ne ho trovati due con altrettante dediche significative dei loro autori. Uno è l’allora cardinale Joseph Ratzinger – poi papa Benedetto XVI – che esprime la sua «comunione fraterna» al vescovo di Como, regalandogli il volume “Guardare al Crocifisso”: siamo forse a fine 1992, in occasione della presentazione del Catechismo della Chiesa Cattolica (di cui Maggiolini fu redattore). L’altro autore, in epoca più recente – siamo nel dicembre 2006 – è il popolare giornalista Rai e scrittore Bruno Vespa, che dedica il suo libro “L’Italia spezzata” «a Don Sandro, vescovo gagliardo e coraggioso».

Mi si perdoni l’accostamento tra i due autori e libri, così diversi tra di loro, eppure anch’esso aiuta a comprendere la poliedricità di Maggiolini, capace di grande profondità nei temi della dottrina teologica, ma pienamente attrezzato a parlare anche di cose del mondo, della politica e del costume, a fil di penna e con colpi di fioretto, rendendo sminuzzabile quella stessa sacra teologia finemente elaborata, nel contatto con la vita quotidiana della gente.

E allora diventa quasi profetico quell’aggettivo, tipico del gergo romanesco e così lontano dal linguaggio curiale, con cui Bruno Vespa definisce il vescovo Maggiolini: «gagliardo» dice più del semplice «coraggioso» e segnala una qualità purtroppo rara nella società e nella stessa Chiesa. Un «vescovo gagliardo» è quello che i pusillanimi al massimo tratteggiano come «divisivo», perché non sanno nemmeno lontanamente comprendere la forza evangelica del portare il fuoco e la spada – sono parole di Gesù – laddove regnerebbe solo una comoda confusione.

Credo che a spiegare la gagliardia di don Sandro aiutino le lucide parole di Lorenzo Morandotti, pubblicate su queste pagine dieci anni fa all’indomani dei funerali di monsignor Maggiolini, e risuonate anche domenica pomeriggio in Duomo. «Per essere chiari: mille, diecimila volte meglio un teologo controcorrente e inattuale perché autentico, capace di alzare la voce in nome di idee cui tenere fede fino al martirio, che una schiera di don Abbondio o di voltagabbana consacrati alla mediocrità, pronti a cambiare opinioni come banderuole pur di saltare sul carro del vincitore o della casta di turno». Nulla da aggiungere, e, ahimé, dopo dieci anni è cresciuta solo la nostalgia.

13 Novembre 2018

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto