Maltempo, ieri pomeriggio in città una chiamata al minuto al centralino dei vigili del fuoco

Piazza Cavour allagata dopo il temporale

Fuggi fuggi di turisti senza riparo o sotto ombrelli e cerate, spruzzi d’acqua sui marciapiedi generati dal traffico in transito sulle pozzanghere formatesi all’improvviso, il consueto effetto Venezia nel salotto buono del capoluogo lariano. Ma anche qualche conseguenza più seria e impegnativa.
Il maltempo torna a flagellare il Lario. Violento temporale su Como e provincia ieri pomeriggio tra le 16 e le 17.

I risultati sono stati strade allagate, tombini saltati, smottamenti, l’ennesimo bollettino che somma rischi di dissesto idrogeologico con cui il Lario ormai convive quotidianamente da anni e manutenzione forse migliorabile nella rete fognaria urbana, se basta un po’ di pioggia a causare piccoli laghi in prossimità degli incroci.

Nel picco della precipitazione di ieri pomeriggio, poco prima delle 17, i vigili del fuoco di Como hanno ricevuto sedici richieste di intervento in meno di un quarto d’ora. Praticamente è arrivata al centralino dei pompieri una chiamata al minuto.

I vigili del fuoco sono intervenuti a Valbrona, per il cedimento di un terreno, a Cagno, per alcuni massi caduti sulla strada, a Cantù, per un allagamento, solamente per citare alcuni esempi.
Problemi anche a Como: e non solo nel salotto buono di piazza Cavour dove si sono formate ampie pozzanghere. A causa del cedimento di un tombino è stato temporaneamente chiuso il tratto di via della Libertà tra via Paradiso e via Avignone.

Il Comune prevede di completare la riparazione nella giornata di oggi e i tecnici di Palazzo Cernezzi contano di poter riaprire la strada entro questa sera.
Inoltre la piazzetta della Basilica del Crocifisso, in viale Varese a Como, si è completamente allagata.

Più critica la situazione nel Lecchese: una valanga di fango e detriti ha sommerso Casargo, in alta Valsassina: 146 le persone evacuate, tra residenti e turisti, che hanno trascorso la notte tra martedì e ieri nel centro alberghiero della località. Travolte, dal fango e dai detriti, decine di auto parcheggiate, così come sono state inondate alcune abitazioni e attività. Irraggiungibili, sempre nel Lecchese, anche alcuni alpeggi che si trovano tra Casargo, Margno e Premana: bloccati alcuni allevatori con centinaia di capi di bestiame.
Le condizioni del meteo sul Lario per fortuna promettono miglioramenti già oggi.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.