Mamme sono compagne ma per Stato figli non sono fratelli

Coppia omosessuale chiede il riconoscimento del legame familiare

(ANSA) – VENEZIA, 07 OTT – Una causa è stata avviata nel Tribunale di Verona da due donne, unite civilmente, perchè venga riconosciuto il legame di ‘fratellanza’ che unisce i loro bambini. Ciascuna delle due ha dato alla luce un maschietto con il seme di un donatore anonimo e poi ha avviato la stepchild adoption. Attualmente per lo Stato, pur avendo le stesse mamme, i bimbi non sono ritenuti parenti. Le due,, 34 e 35 anni, si sono unite con rito civile nel febbraio del 2018; già nel gennaio del 2017 però era nato il primo figlio, adottato legalmente dalla compagna. E’ stata poi quest’ultima nel 2018 a mettere al mondo il secondo maschietto e stavolta è stata la partner ad avviare la causa di adozione. La sentenza del tribunale dei minori di Venezia è attesa in queste settimane. Oltre al riconoscimento del piccolo, la coppia ha chiesto che venga sancito il "vincolo di fratellanza" tra i due bambini. (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.