Maratona bilancio dal tramonto all’alba, testo approvato dopo 12 ore

alt Il dibattito in consiglio comunale
L’assessore Giulia Pusterla: «Non aumentano tariffe e imposte, costi razionalizzati»

«È il bilancio del buonsenso. Non abbiamo voluto bloccare la ripresa». Così l’assessore di Palazzo Cernezzi Giulia Pusterla commenta l’approvazione del bilancio di previsione 2013, avvenuta ieri mattina alle 8.22, allo scadere di dodici ore di dibattito in consiglio comunale.
Una maratona conclusa con il voto a favore della maggioranza, compatta. Contrari Alessandro Rapinese e Mario Molteni, delle liste civiche Adesso Como e Per Como.
Assenti al momento del voto, invece, Marco

Butti e Laura Bordoli del gruppo misto, Sergio Gaddi, Francesco Scopelliti, Enrico Cenetiempo e Anna Veronelli del Pdl, Luca Ceruti del Movimento 5Stelle, Ada Mantovani di Adesso Como, Diego Peverelli e Alberto Mascetti della Lega Nord, Mario Forlano, Giorgio Selis e Ivano Cairoli di Como Civica e Vincenzo Sapere di Paco-Sel.
Insieme con il bilancio, formalmente è stato approvato anche il piano triennale delle opere, 7milioni e 700mila euro in tutto, spalmati sull’arco di tre anni, con pochi fondi riservati al rifacimento degli asfalti.
Diversi gli elementi emersi nella seduta fiume di ieri. Il dibattito è stato ad esempio acceso sulla vendita delle farmacie di Muggiò e Sagnino: alla fine, nel bilancio preventivo è stata inserita la possibilità della vendita delle due attività, con una cifra ipotetica di un milione di euro, ma spetterà poi al consiglio comunale stabilire se e a che cifra vendere le due farmacie. Si parla di attività, e non di immobili. La cessione dello stabile della farmacia di via Conciliazione invece era già stata deliberata dal piano delle alienazioni.
Approvato, infine, anche un ordine del giorno di Pd e Como civica che impegna l’amministrazione a verificare la possibilità di riqualificare piazza Roma con parte del gettito della tassa di soggiorno. Ipotesi, questa, che dovrà essere discussa con le categorie.
«In un momento di crisi abbiamo voluto approvare un bilancio di buonsenso, che non frenerà la crescita – commenta l’assessore al bilancio di Como, Giulia Pusterla – Non abbiamo aumentato né tariffe né imposte, abbiamo razionalizzato i costi. Siamo in attesa di capire quanto trasferirà Roma, consapevoli che potremo avere miglioramenti ma anche peggioramenti. Tengo a precisare – conclude Giulia Pusterla – che da gennaio abbiamo pagato debiti pregressi rimettendo in circolo 5,5 milioni di euro».
Critico il consigliere di Fratelli d’Italia, Marco Butti, per la doppia seduta ad oltranza. «Stessa spiaggia stesso mare. Siamo di fronte all’ennesimo atto di prepotenza da parte della maggioranza, alla quale auguriamo buone ferie» ha detto all’uscita di Palazzo Cernezzi.
Da parte sua il Pd ha commentato aspramente il voto contrario di Mario Molteni della Lista per Como: «Si è parte della maggioranza non solo per avere votato all’inizio del mandato le linee programmatiche del sindaco ma soprattutto perché se ne sostengono con lealtà e responsabilità le scelte amministrative. Evidentemente Molteni considera la maggioranza come una sorta di porta girevole», ha detto il capogruppo Stefano Legnani.

Nella foto:
La facciata di Palazzo Cernezzi in via Vittorio Emanuele a Como (foto Vacca)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.