Maratona pianistica a Mendrisio

Sara Landini

La varietà di proposte è la cifra d’elezione di Musica nel Mendrisiotto, e la matinée di domenica 28 aprile alla Sala Musica nel Mendrisiotto di Mendrisio, con inizio alle ore 10,30, ne è la prova lampante, con un concerto che si preannuncia intenso e spettacolare. Protagonisti saranno il pianoforte, a due e a quattro mani, grazie al talento di due interpreti noti a livello internazionale, Sandra Landini e Stefano Romani, e Franz Liszt, appassionato viaggiatore oltre che musicista amante della sperimentazione.

Il programma è affascinante, centrato in parte sulla figura del Wanderer, il viaggiatore romantico colpito dalla bellezza e dalla natura selvaggia e misteriosa, che ha il suo manifesto nel celebre quadro di Caspar David Friedrich “Il viandante sul mare di nebbia”, dipinto nel 1818. Liszt amò l’Italia, e si ispirò al capolavoro goethiano “Gli anni di pellegrinaggio di Wilhelm Meister” per comporre i suoi “Années de pèlerinage”, tre suites per pianoforte solo che riuniscono il materiale di un precedente lavoro, l’“Album d’un voyageur”, che risale agli anni dal 1835 al ’38.

La suite dedicata all’Italia, pubblicata nel 1858, fu scritta tra il 1837 e il ’49 e comprende il supplemento, del 1859, dedicato a Venezia e Napoli, costituito da tre brani: “Gondoliera”, tratto dalla canzone “La biondina in gondoleta” di Giovanni Battista Peruchini, “Canzone”, basata sul tema di “Nessun maggior dolore” dall’Otello di Rossini, e la “Tarantella”, su tema di Guillaume-Louis Cottrau. Sono esempi di un pianismo sensuale e raffinato, in cui si alternano note malinconiche e nostalgiche alla solarità mediterranea di un’Italia spesso idealizzata.

Il brano “La Vallée d’Obermann”, invece, è ispirato al romanzo omonimo di Étienne Pivert de Senancour ambientato in Svizzera, il cui protagonista è affascinato e vinto dalla natura, e comprende anche una citazione dal “Childe Harold’s” di Byron. Il concerto terminerà con la versione a quattro mani del monumentale poema sinfonico “Les Preludes”, del 1854, ispirato alle “Méditations poetiques” di Alphonse de Lamartine, con il tema dell’uomo in balia delle forze naturali e del suo imperscrutabile destino.

Sandra Landini, vincitrice di venti concorsi pianistici internazionali, si è diplomata al Conservatorio di Firenze dopo aver iniziato gli studi sotto la guida della madre, Vilma Sepe, e si è esibita nelle maggiori sale concertistiche d’Europa. Stefano Romani, laureato all’Istituto musicale “Luigi Boccherini” di Lucca, è pianista accompagnatore di cantanti in Italia e all’estero, solista e camerista in diverse formazioni e ha collaborato con attori quali Athina Cenci, Nando Gazzolo ed Eros Pagni. Info: 004191.646.66.50 e su   www.musicanelmendrisiotto.com.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.