Mascherine a Como, ecco dove si ritirano

L'aumento dei nuovi casi +269 è decisamente contenuto

Il sindaco di Como, Mario Landriscina ha diffuso una nota per informare i residenti riguardo la distribuzione delle mascherine inviate dalla Regione. Si tratta di 21mila pezzi complessivi. Ecco le indicazioni:

Con gli assessorati alla Protezione Civile e al Commercio si è disposto che, nella giornata di domani dalle ore 9.30 alle ore 13.30 (o sino esaurimento scorte), si provvederà alla distribuzione di mascherine facciali per un totale di 21.000 pezzi.

Un parte verrà consegnata, con l’aiuto dei Servizi Sociali, a strutture che assicurano assistenza alle persone fragili e in difficoltà, sia presso le sedi di riferimento che facendole recapitare direttamente a destinazione, mentre per una seconda parte si provvederà ad una distribuzione più capillare direttamente ai cittadini.

Questo avverrà grazie alla presenza dei volontari della Protezione Civile all’esterno di alcuni punti di vendita alimentari, sia della grande distribuzione sia degli esercizi di vicinato, secondo il seguente elenco.

Mercato coperto via Mentana
Bennet: Tavernola
Coop: Via Cecilio
Esselunga: via Ambrosoli
Esselunga: via Paoli
Carrefour: Viale Innocenzo
Carrefour: Via Recchi
Carrefour: Viale Giulio Cesare
Iperal: via Bellinzona
Gran Mercato: Tavernola
Gran Mercato: Sagnino
Gran Mercato: Via Viganò
Gran Mercato: Via D’Annunzio

Il Tagliere di Lelo alimentari/salumeria/gastronomia – via Milano 145
Castiglioni Snc – via Cesare Cantù, 9
Ballabio alimentari e C Snc – via Villini 2
Teatro del Gusto – via Odescalchi, 16
Panificio Beretta Tina Snc – via Rusconi 24
Coop Albate – via Merzario


Verrà distribuita una mascherina per cittadino.
Si raccomanda grande senso di responsabilità nel richiedere il dispositivo, destinato a chi non ne possiede.
Si chiede alla cittadinanza il rispetto della distanza prevista evitando assolutamente gli assembramenti.
La dotazione della mascherina, peraltro obbligatoria, non deve essere intesa come l’opportunità per uscire di casa tranquillamente; si ribadisce quindi la prescrizione di restare a casa per rispettare la propria salute e quella degli altri.

Articoli correlati

5 Commenti

  • Avatar
    kobe , 9 Aprile 2020 @ 12:36

    che pena

  • Avatar
    katia76 , 9 Aprile 2020 @ 12:36

    ma se Como ha 80mila abitanti, perche’ 21mila mascherine che per di piu’ sono monouso? che senso ha? tanto valeva non darle proprio.

  • Avatar
    Luca , 9 Aprile 2020 @ 12:32

    21.000 pezzi quanto sono? 1000-2000 euro di materiale? Wow……grazie regione lombardia per le briciole. Paghiamo le tasse.

  • Avatar
    Silvia , 9 Aprile 2020 @ 12:05

    Mamma mia…. sembra di essere in Africa. Che senso ha distribuire UNA mscherina monouso?

  • Avatar
    Marco , 9 Aprile 2020 @ 11:58

    Danno UNA mascherina MONOUSO dal valore di 10 centesimi. Se si chiede una seconda maschera per il marito-moglie (che non puo’ uscire di casa perche’ e’ permesso a UNA sola persona di fare la spesa) non la danno. Una barzelletta. Grandi aiuti per la popolazione. Hahahah.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.