Maslianico, sequestro di gioielli e pietre preziose

Dogana Maslianico

«Nulla da dichiarare», è la risposta fornita ai finanzieri alla domanda di rito, ma. Ma in realtà dopo un’ispezione a bordo dell’automobile, i militari delle fiamme gialle sono stati trovati gioielli e pietre preziose per un valore di oltre 45mila euro.

Nei giorni scorsi, nell’ambito delle verifiche e della repressione del fenomeno del contrabbando e degli illeciti valutari, i militari in forza alla guardia di finanza del gruppo di Ponte Chiasso hanno sottoposto ad controllo un cittadino svizzero di origini italiane, che era diretto verso l’Italia, nei pressi del valico turistico di Maslianico.
Alla domanda di rito alla frontiera, volta ad accertare se avesse merce al seguito, l’uomo ha risposto – come detto all’inizio – di non avere niente da dichiarare.

I militari hanno però svolto ulteriori accertamenti scoprendo all’interno del veicolo, numerosi gioielli di pregio, tra cui bracciali, orecchini, anelli e pietre preziose, dal valore complessivo di più di 45mila euro.
I finanzieri hanno dunque proceduto al sequestro, finalizzato alla confisca, per contrabbando ed evasione dell’Iva.

A seguito dei successivi controlli effettuati dai Funzionari dell’Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli – Ufficio di Como, l’ammontare complessivo dei diritti di confine evasi, a titolo di dazio ed Iva, è stato quantificato in 11.237,41 euro.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.