Maxi rapina al Casinò di Campione: l’indagine punta sulle telecamere

Il Casinò di Campione d'Italia

Il Casinò di Campione d'Italia Il Casinò di Campione d’Italia

Se c’è un’area della provincia di Como super controllata, questa è quella di Campione d’Italia. Non solo dentro e fuori il casinò, ma anche lungo le vie di accesso e di fuga dall’enclave italiana in Ticino. Ed è proprio grazie a questo “grande fratello” che i carabinieri e la procura contano di poter risalire all’uomo che mercoledì mattina alle 8 è entrato indisturbato nella casa da gioco – passando dall’ascensore che collega direttamente con l’esterno – per poi minacciare con la pistola due addetti all’incasso della nottata e scappare con il ricco bottino.

La quantificazione precisa non sarebbe ancora stata fatta, ma la cifra iniziale è ulteriormente lievitata fino a raggiungere (e forse superare) i 750mila euro tra banconote in Euro e Franchi svizzeri. L’uomo è stato in effetti ripreso entrare e poi allontanarsi con lo zainetto carico di soldi, e avrebbe anche agito a volto scoperto indossando tuttavia baffi finti. Particolare quest’ultimo che ne complicherebbe l’identificazione.

Ma, come detto, la quantità delle telecamere – non solo al Casinò – potrebbero permettere, o almeno questa è la speranza, di ottenere notizie importanti sul come il rapinatore possa essere arrivato a Campione d’Italia e come poi possa essersi allontanato. L’esame delle immagini sarà però probabilmente lungo e complesso.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.