Mediaset: avvocato Ue, sì a 28% Vivendi

Parere dà ragione a socio francese ma non vincola sentenza

(ANSA) – MILANO, 18 DIC – La normativa italiana che impedisce a Vivendi di detenere in Mediaset una quota del 28,8% del capitale, pari al 29,94% dei diritti di voto, è contraria al diritto dell’Unione europea. Lo scrive l’avvocato generale della Corte Ue, Campos Sanchez-Bordona, nelle conclusioni della causa sul ricorso del gruppo francese contro la delibera dell’AgCom che, in base alla legge Gasparri, ha obbligato Vivendi a trasferire a Simon Fiduciaria la quota eccedente il 10% in Mediaset, in quanto azionista rilevante anche in Tim. Il parere dell’avvocato non vincola la decisione della Corte, attesa a marzo, ma spesso ne anticipa i contenuti. "Nulla cambia in merito alla valutazione di illiceità della condotta di Vivendi" nell’acquisto ostile della partecipazione nel 2016, commenta Mediaset. "Siamo molto soddisfatti. Si tratta di una conferma molto forte della nostra posizione", osserva un portavoce del gruppo francese.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.