Menu della “Giubiana” in aiuto ai ristoratori canturini

Il rogo della Giubiana a Cantù

Il rito del Rogo della Giubiana a Cantù è una tradizione molto sentita. Il manichino arso su una pira l’ultimo giovedì di gennaio è un vero e proprio rito propiziatorio.
Quest’anno la festa non si potrà svolgere ma la ricorrenza sarà l’occasione per testimoniare solidarietà ai tanti ristoratori canturini toccati dalle norme anti-Covid. Gli imprenditori della città, anche attraverso la collaborazione delle associazioni di categoria, hanno messo in campo due iniziative: ristoratori e baristi che già effettuano vendita di prodotti da asporto o consegna a domicilio avranno la possibilità di ideare un “Menu della Giubiana”; i commercianti sono invece invitati ad attuare promozioni dedicate alla Giubiana giovedì 28 gennaio. 
«Per testimoniare solidarietà ai nostri imprenditori – dice l’assessore alle attività economiche, Giuseppe Molteni – in occasione della Giubiana abbiamo scelto di invitare ristoratori, baristi e commercianti a sviluppare iniziative dedicate a stimolare il consumo del “cibo da asporto”, al momento, unica fonte di sostentamento per queste attività. Si tratta di nuovi ed alternativi format promozionali che, speriamo, possanodare nuovo input al commercio».
L’amministrazione Comunale si impegna a sostenere le iniziative attraverso la promozione sui propri canali istituzionali. Le adesioni potranno avvenire attraverso le associazioni di categoria o inviando conferma entro domani alla mail attivita.economiche@comune.cantu.co.it.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.