Merano, lariani a caccia di medaglie agli Assoluti

alt Pattinaggio su ghiaccio. Da oggi a sabato
Puntano al podio tricolore Rio, Cappellini, Ortenzi, Folini e Manzo

Sarà l’edizione numero 93 dei Campionati italiani assoluti di pattinaggio di figura quella che prenderà il via oggi per concludersi sabato prossimo sul ghiaccio della Meranarena di Merano.
Assente Carolina Kostner che ha dato forfait per problemi di natura fisica, non dovrebbe avere eccessive difficoltà Valentina Marchei ad incamerare il quinto titolo tricolore nella categoria Senior femminile di artistico.
La pattinatrice milanese è apparsa tra l’altro in forma smagliante nel

corso delle Universiadi che si sono concluse sabato al palaghiaccio di Trento: seconda per poco alle spalle della russa Sofia Byriukova con la comasca Francesca Rio decima.
Scontata, dunque, la vittoria della Marchei, sarà lo scontro tra la Rio e la veneta Roberta Rodeghiero a infiammare la gara Senior di artistico: non solo per salire sul podio alla destra della vincitrice nella prova tricolore, ma anche per la possibilità di conquistare l’ultimo posto per scendere sul ghiaccio di Budapest (Europei 13-19 gennaio) assieme a Kostner e Marchei.
Detto che queste ultime due saranno sempre presenti a Europei, Mondiali e Olimpiadi, le altre caselle eventualmente disponibili riservate all’Italia, come nel caso delle prove continentali, saranno riempite con i nominativi delle atlete meglio piazzate in una speciale classifica, ideata dalla commissione tecnica federale della Federazione.
Questa graduatoria non tiene conto dei piazzamenti bensì dei punteggi realizzati nel cosiddetto “programma libero” nelle due migliori prove di questa stagione.
Attualmente questa classifica, escludendo Kostner e Marchei, vede la Rodeghiero sopravanzare la Rio di oltre 9 punti anche grazie alla migliore prestazione offerta nel programma libero, durante le Universiadi, dalla pattinatrice di Asiago che ha potuto giovarsi della giornata non entusiasmante della comasca.
I numerosi segni “meno” con cui i giudici hanno caratterizzato gli elementi di salto spiegano come la Rio abbia raccolto, nel programma libero, un punteggio insufficiente per insidiare l’avversaria.
Se Merano sarà orfana di Carolina Kostner, gli appassionati di questo sport potranno comunque assistere all’esibizione di Anna Cappellini e Luca Lanotte: impossibile definirla gara. Il duo azzurro ha infatti una dimensione tecnica superiore rispetto alle altre tre coppie iscritte.
La bacheca personale della comasca Cappellini accoglierà quindi il terzo titolo tricolore consecutivo dopo i tre conquistati tra gli Junior. In quest’ultima categoria a Merano, dove saranno presenti otto coppie, potrebbe esserci qualche piacevole sorpresa per i colori comaschi con Sara Ghislandi e Giona Ortenzi. Dopo il quarto posto della scorsa stagione, la coppia bergamasco-lariana potrebbe centrare il bersaglio grosso o quanto meno salire sul podio.
In odore di medaglia anche Nik Folini che, nella categoria Junior, da qualche stagione è stabilmente ai vertici delle classifiche nelle gare nazionali mentre per Daniele Savogin la gara di Merano costituirà la prima importante esperienza a livello agonistico, dopo un passato eccellente nelle gare amatoriali.
Molta curiosità anche per Martina Manzo apparsa in netta crescita in questa prima parte di stagione: tra le 37 atlete iscritte alla gara Junior femminile, la pattinatrice comasca non si accontenterà di recitare un ruolo da comprimaria ma sicuramente cercherà di salire sul carro delle migliori.

M.Mos.

Nella foto:
Anna Cappellini e Luca Lanotte – qui in una esibizione – sono destinati a vincere l’oro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.